Il ritorno alla casa del padre. primo studio dal 26 al 29 agosto a Bologna

7
Compagnia del Pratello

BOLOGNA – Venerdì 26 agosto presso l’Istituto Penale per i Minorenni di Bologna (via del Pratello, 34) debutto de Il ritorno alla casa del padre. primo studio, il nuovo lavoro della Compagnia del Pratello, formata da 15 ragazzi dell’Istituto Penale per i Minorenni di Bologna, in scena fino al 29 agosto; drammaturgia e regia sono di Paolo Billi con l’aiuto di Elvio Pereira De Assunçao e Francesca Dirani

Il ritorno alla casa del padre rappresenta una nuova tappa di un complesso lavoro del Teatro del Pratello sul tema del perdono (all’interno del progetto triennale: Miti e utopie: errare, perdono, comunità del Coordinamento Teatro Carcere Emilia Romagna,) iniziato nel 2022 con lo spettacolo La scandalosa gratuità del perdono.

“Sono tornato, ho attraversato l’ingresso e mi guardo intorno” questo l’incipit dello spettacolo che, traversando alcune pagine di Dostoevskij, rilegge la parabola del “Figliuol prodigo”.

“La casa del padre” si legge nelle note di regia “non si rivela un luogo della memoria, ma di frammenti di ricordi, non è luogo da raggiungere per trovare o rubare consapevolezze; non è neppure meta di svelamenti. È un luogo di indolenze e di festa forzata, dove si balla, dove ci si vuol perdere. Tutto accade in una notte, i tre fratelli si ritrovano per festeggiare la memoria di un padre morto, assai diverso per ciascuno di essi; tutti i tre fratelli hanno provato direttamente perdoni diversi, ma non ne sembrano rivitalizzati. Lo studio si incentra sui tre protagonisti, in un variegato gruppo di partecipanti alla festa, che commentano con sarcasmo e durezze fatti di una vita e che spesso appaiono stanchi figuranti ingaggiati; si articola in dieci scene, dove la musica e il ballo sono i motori dell’azione scenica, dove i quattordici giovani attori si cimentano in una impresa corale, caratterizzata da una forte fisicità. Lo spazio scenico è a pianta centrale, un pentagono ai cui vertici stanno cinque piccole stanze, dove stanno i protagonisti della festa; al centro tavoli e sedie in gran quantità; sui cinque lati sono disposti gli spettatori, a diretto contatto degli accadimenti”.

Le scene di Irene Ferrari sono state realizzate con i ragazzi in carico allUfficio Servizio Sociale Minorenni durante i laboratori estivi di scenografia.

Il ritorno alla casa del padre è il primo studio di uno spettacolo che, a gennaio dell’anno prossimo, debutterà all’Arena del Sole, frutto di un lavoro laboratoriale con i ragazzi dell’IPM di Bologna.

Lo spettacolo fa parte di Bologna Estate 2022, il cartellone di attività promosso e coordinato dal Comune di Bologna e dalla Città metropolitana di Bologna – Territorio Turistico Bologna-Modena, ed è sostenuto dal Centro Giustizia Minorile Emilia Romagna e Marche, dalla Regione Emilia Romagna e dal Comune di Bologna.

L’evento è realizzato nell’ambito del più ampio progetto STANZE DI TEATRO CARCERE del Coordinamento Teatro Carcere Emilia Romagna.

L’ingresso è subordinato al permesso dell’Autorità Giudiziaria Competente.

Il costo del biglietto è di 12 euro.

Per richiedere la partecipazione è necessario compilare il modulo alla pagina

https://forms.gle/rHpp4HyiGjY7gsVE8

o sul sito www.teatrodelpratello.it alla pagina AGENDA EVENTI

E ATTENDERE CONFERMA DELL’AVVENUTA AUTORIZZAZIONE

 

UFFICIO STAMPA

Anna Maria Manera

PEPITApuntoCOM

 

Istituto Penale per i Minorenni di Bologna

via del Pratello, 34

dal 26 al 29 agosto – ore 21.00

IL RITORNO ALLA CASA DEL PADRE. primo studio

Compagnia del Pratello

drammaturgia e regia: Paolo Billi

aiuto regia: Elvio Pereira De Assunçao e Francesca Dirani

scene: Irene Ferrari

produzione: TEATRO DEL PRATELLO