Il Pregiudizio spiegato a mio nonno il 17 dicembre a Bologna

0
come pioggia dal cielo

BOLOGNA – Sabato 17 dicembre 2022 alle 19 presso PRAT Teatri Comunità (via del Pratello 53, Bologna) Il Pregiudizio spiegato a mio nonno, nuovo lavoro della Compagnia del Pratello, formata per l’occasione da ragazzi dell’Ufficio Servizio Sociale Minorenni, da un gruppo di giovani studenti di teatro e da due senior, chiude la seconda edizione del Festival Trasparenze di Teatro Carcere.

Con questo spettacolo, curato da Elvio Assunçao e Viviana Venga con la drammaturgia di Paolo Billi, la compagnia bolognese vuole raccontare il pregiudizio a una persona anziana, evitando semplici ricette per combattere un fenomeno così radicato, in un’indagine che parte dai luoghi comuni, dalle frasi fatte, dal buon senso, per approdare agli stereotipi di uso quotidiano, che ne rappresentano il terreno di coltura.

Il pregiudizio spiegato a mio nonno ha l’ambizione di porsi come un’opera di poesia civile per attivare domande, riflessioni e confronto tra adolescenti, nonché, soprattutto, tra adolescenti e adulti.

La seconda edizione del Festival Trasparenze di Teatro Carcere è un percorso, dal 4 novembre al 17 dicembre 2022, tra gli spettacoli del Coordinamento Teatro Carcere Emilia Romagna, formato delle compagnie che operano con progetti teatrali nelle carceri della regione Emilia-Romagna, organizzato dal Teatro del Pratello Cooperativa Sociale in collaborazione con il Coordinamento Teatro Carcere Emilia- Romagna e sostenuto dal Ministero della Cultura.

Peculiarità del progetto artistico del festival è lo sviluppo di un tema comune tra le attività teatrali attive in 14 sezioni di 8 Istituti Penitenziari per adulti: Bologna, Ferrara, Forlì, Ravenna, Parma, Castelfranco Emilia, Modena, Reggio Emilia e con minori  in carico ai Servizi di Giustizia Minorile. Il festival è la sfida di sette compagnie teatrali che, con poetiche ed esperienze pregresse, talvolta molto distanti tra loro, in un progetto di rete si danno un tema comune da esplorare durante un percorso lungo tre anni. Tema del triennio 2022-2024 è Miti e Utopie, che si sviluppa con un sottotitolo di tre parole: Errare/Perdono/Comunità. Tre ambiti di ricerca particolarmente significativi per il luogo, il carcere, nel quale si svolgono le attività di produzione.

Le attività annuali negli Istituti Penitenziari dell’Emilia Romagna sono realizzate nell’ambito del Protocollo tra Coordinamento Teatro Carcere Emilia Romagna, Regione Emilia-Romagna, Provveditorato Regionale dell’Amministrazione Penitenziaria e Centro Giustizia Minorile dell’Emilia Romagna, con il contributo della Regione Emilia Romagna (L.R. 13/99) e dei Fondi Otto per Mille della Chiesa Valdese.

Le attività di produzione del Teatro del Pratello rivolte a minori e giovani adulti in carico alla giustizia e alle detenute della casa Circondariale di Bologna sono inoltre sostenute dal Comune di Bologna, dalla Regione Emilia Romagna e dal Centro Giustizia Minorile Emilia Romagna e Marche.

INFO

L’accesso agli spettacoli è subordinato al permesso dell’Autorità Giudiziaria Competente.

Per info su tempi e modalità di partecipazione ai diversi spettacoli info@teatrocarcere-emiliaromagna.it

UFFICIO STAMPA 

Anna Maria Manera

PEPITApuntoCOM

 

FESTIVAL TRASPARENZE DI TEATRO CARCERE

II edizione

4 novembre – 17 dicembre  2022

Ferrara, Reggio Emilia, Parma, Bologna, Forlì, Ravenna, Modena

Sabato 17 dicembre ore 19.00

Bologna, PRAT Teatri Comunità, via del Pratello 53

Teatro del Pratello

Il Pregiudizio spiegato a mio nonno

con i ragazzi della Compagnia del Pratello

con le cure di Elvio Pereira De Assunçao e Viviana Venga

drammaturgia di Paolo Billi