“Il Museo Casa-Covili: tre generazioni per scrivere un capitolo di storia della pittura” il 22 maggio a Modena

71

MODENA – Mercoledì 22 MAGGIO alle ore 18.00, all’Associazione Tempio (Viale Caduti in Guerra 196, Modena), nell’ambito dei mercoledì culturali di primavera patrocinati dal Comune di Modena e dal Distretto Lions 108Tb, si parlerà di un prezioso patrimonio artistico ricevuto in eredità. Come recita il titolo dato all’incontro, “Il Museo Casa-Covili: tre generazioni per scrivere un capitolo di storia della pittura”, il tema dell’arte sarà affrontato da una particolare prospettiva: quello della conservazione, della valorizzazione e, conseguentemente, della fruizione.

Nella locandina di presentazione si legge: Le eredità dei grandi maestri, in opere e soprattutto in valori morali e spirituali, sono sempre pesanti; Gino Covili ha lasciato molto di sé al figlio Vladimiro, e questi a Matteo. Padre, figlio e nipote sono legati non soltanto dai vincoli di sangue ma dall’amore per l’Arte, quella con l’A maiuscola, quella che parla al cuore, quella che racconta di vicende umane, anche drammatiche, da ricordare e tramandare a futura memoria per evitare altre lacrime e sangue. E ogni eredità, soprattutto se si tratta di opere d’arte, per quanto preziosa e bella, rischia di essere dispersa e persino depauperata; per questo va gelosamente conservata e, rivitalizzandone il messaggio etico e sociale, va mostrata non per monetizzare un patrimonio ma per donare ricchezza spirituale al visitatore…

Con Matteo Covili, curatore della casa-museo, parleranno dell’argomento Sandro Pipino e Marco Sola. Durante l’incontro sarà proiettato la monografia cinematografica “Gino Covili – Le stagioni della vita” realizzato dal direttore della cinematografia Vittorio Storaro per l’Accademia dell’Immagine e l’Istituto Luce, sul celebre pittore pavullese.

L’incontro è aperto al pubblico.

PROGRAMMA: https://bit.ly/PROGRAMMA2024