Il Laboratorio di Tecnologie Mediche Sperimentali ed Applicate dell’Università di Parma nel progetto europeo “Increase Research Capacities in Kosovo”

5

PARMA – Il Laboratorio di Tecnologie Mediche Sperimentali ed Applicate del Dipartimento di Medicina e Chirurgia dell’Università di Parma parteciperà al progetto europeo “Increase Research Capacities in Kosovo”.

Finanziato dall’Unione Europea tramite EuropeAid per un importo complessivo di quasi 1 milione di euro, il progetto include il King’s College London (leading institution), l’Università degli studi di Milano, l’Università di Pristina (Kosovo) e l’Università di Parma.

Verterà su studi di nanotossicologia ambientale e nanomedicina inalabile nella ricerca medica cardiovascolare e coprirà la formazione di dottorande, dottorandi e postdoc kosovari che verranno preparati nelle Università del partenariato per tutta la durata del programma (30 mesi).  L’avvio è previsto per il 1° di marzo

L’Università di Parma, e nello specifico il Laboratorio di Tecnologie Mediche Sperimentali ed Applicate (TecMed Lab) diretto da Michele Miragoli,  da un lato viene dunque  coinvolta nella formazione internazionale di studentesse, studenti e docenti, dall’altro attrae finanziamenti europei volti ad incrementare e valorizzare la ricerca medico-scientifica .

Il TecMed Lab si occupa di studiare i meccanismi aritmici ed eventuali terapie. Recentemente ha scoperto che il particolato ambientale inalato può agire direttamente sul cuore introducendo aritmie; tuttavia ha anche dimostrato che la stessa via di somministrazione può essere usata per veicolare nanoparticelle terapeutiche direttamente nel tessuto cardiaco.