Il fascino della memoria nelle opere di Carlo Zavarini

La Ferrara di una volta in mostra in Municipio dal 21 febbraio al 5 marzo

FERRARA – Sarà inaugurata giovedì 21 febbraio 2019 alle 17, nel Salone d’Onore della residenza municipale di Ferrara (piazza Municipio 2), la mostra “Ferrara e il fascino della memoria nelle opere di Carlo Zavarini”, aperta al pubblico fino al 5 marzo, dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 18.

L’esposizione, curata da Gianluca Lodi e Francesco Scafuri, propone ventidue tempere della Ferrara di un tempo, realizzate dall’artista ferrarese scomparso nel 2001, molte delle quali esposte per la prima volta in una mostra.

Accanto ad antichi palazzi, chiese e scorci suggestivi di Ferrara, come si presentavano agli inizi del Novecento fino alla seconda metà del secolo, si impongono all’attenzione le “ricostruzioni” di edifici scomparsi, quali il palazzo della Ragione, la Beccheria Grande o la locanda dell’Annunziata. In mostra anche una sezione dedicata alle fonti di ispirazione di Zavarini, tra cui alcune cartoline d’epoca tratte dall’archivio del noto collezionista Alberto Cavallaroni.

Una mostra che, accanto all’aspetto culturale, mette in luce quello didattico, perché anche le nuove generazioni, grazie alle immagini di Zavarini, possano conoscere il fascino della storia e della nostra città. Le opere, con un linguaggio semplice ma ricco di emozioni, rappresentano una Ferrara dimenticata, che l’artista aveva potuto vedere prima dei violenti bombardamenti della Seconda guerra mondiale, a seguito dei quali molte testimonianze del passato vennero cancellate per sempre. A conclusione dell’inaugurazione sarà distribuito a ricordo dell’iniziativa un interessante depliant con cenni storici sugli edifici di pregio rappresentati in mostra.

L’esposizione, che si inserisce nel programma del Carnevale degli Este 2019, è promossa dal Comune di Ferrara (Assessorato alla Cultura) e dall’associazione De Humanitate Sanctae Annae, in collaborazione con l’Assessorato ai Beni Monumentali, l’Ente Palio e AVIS Comunale Ferrara.

La mostra è stata organizzata grazie alla grande disponibilità di Andrea Zavarini, che ha messo a disposizione le opere del padre Carlo e ha contribuito alla realizzazione dell’iniziativa.

Per info: m.moggi@comune.fe.it

Mostra promossa da:

Comune di Ferrara (Assessorato alla Cultura) e associazione De Humanitate Sanctae Annae nell’ambito del Carnevale degli Este 2019

in collaborazione con: Assessorato ai Beni Monumentali; Gallerie d’Arte Moderna e Contemporanea del Comune di Ferrara; Ente Palio; Avis Comunale Ferrara.

Si ringrazia Andrea Zavarini per la grande disponibilità dimostrata nel mettere a disposizione le opere del padre Carlo, per i preziosi suggerimenti e per aver contribuito alla realizzazione della mostra.

Si ringrazia, inoltre, il collezionista Alberto Cavallaroni per aver fornito le rare immagini d’epoca in esposizione.

Documentazione e ricerche: Ufficio Ricerche Storiche, Servizio Beni Monumentali, Comune di Ferrara.

Organizzazione: Marcella Moggi (Ufficio Ricerche Storiche).

Coordinamento spazio espositivo: Ivana Cambi, Gabinetto del Sindaco.

(Comunicato a cura degli organizzatori)

Immagini scaricabili:

1- locandina della mostra

2- dipinto della ‘Beccheria grande’ demolita nel 1895

3- dipinto della Torre dei Leuti vista da via Capo delle Volte