Il Consiglio comunale approva un ordine del giorno a sostegno della proposta di legge contro l’omolesbobitransfobia

18

BOLOGNA – Il Consiglio comunale ha approvato con 23 voti favorevoli (Partito Democratico, Città comune, Movimento 5 stelle, Coalizione civica, gruppo misto-Nessuno resti indietro) e 5 non votanti (Lega nord, Fratelli d’Italia), un ordine del giorno a sostegno della proposta di legge sulle “Misure di prevenzione e contrasto della discriminazione e della violenza per motivi legati al sesso, al genere, all’orientamento sessuale e all’identità di genere”, presentato a inizio seduta dalla consigliera Gabriella Montera e firmato dal consigliere Andrea Colombo e dalle consigliere Roberta Li Calzi e Isabella Angiuli (Partito Democratico).

L’ordine del giorno approvato supporta l’adozione del testo di legge unificato adottato dalla Commissione Giustizia il 14 luglio e impegna gli enti locali ad un’azione di advocacy nei confronti delle istituzioni nazionali, primi fra tutti il Presidente della Camera dei Deputati e la Presidente del Senato della Repubblica.

L’ordine del giorno nasce dall’iniziativa di sensibilizzazione a livello nazionale a sostegno della proposta di legge lanciata da RE.A.DY, la Rete italiana delle Regioni, Province Autonome ed Enti Locali impegnati per prevenire, contrastare e superare le discriminazioni per orientamento sessuale e identità di genere, della quale il Comune di Bologna è partner fin dalla sua creazione nel 2006.

Un gruppo interno dalla rete RE.A.DY ha curato la stesura dell’ordine del giorno, che è stato condiviso e discusso con le realtà aderenti al Tavolo nazionale LGBT recentemente istituito presso l’UNAR (Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali) e viene proposto alle Amministrazioni che si impegnano ad approvarlo, adattandolo al proprio contesto locale. Al momento, hanno già dichiarato la loro intenzione di aderire all’iniziativa della RE.A.DY 40 fra Comuni, Città metropolitane e Regioni.