Il Comune cerca due dirigenti a tempo indeterminato

37

Indetta una selezione pubblica per soli esami per un posto nell’area amministrativo-finanziaria e uno nell’area dei servizi alla persona. Domande entro il 20 maggio

MODENA – Il Comune di Modena ha indetto una selezione pubblica per soli esami per la copertura di due posti da dirigente a tempo indeterminato, uno nell’area amministrativo-finanziaria e uno nell’area dei servizi alla persona, come previsto già dallo scorso anno dal Piano occupazionale in base ai pensionamenti in programma che riducono i quadri dirigenziali dell’ente.

Coloro che, in possesso dei requisiti, sono interessati a partecipare alla selezione, possono presentare domanda entro le ore 13 del 20 maggio esclusivamente in via telematica compilando l’apposito modulo online disponibile sul sito istituzionale www.comune.modena.it, nella sezione bandi di concorso. Per l’accesso al portale per la compilazione della domanda occorre essere accreditati al Sistema pubblico di identità digitale, Spid (https://www.spid.gov.it). La richiesta sarà valida solo se completata la procedura con l’inoltro della domanda stessa, a seguito del quale verrà generata una ricevuta telematica (per informazioni Ufficio selezione e gestione, via Galaverna 8, tel. 059 2032839, 059 2032841, 059 2032843, 059 2032914, per assistenza tecnica alla compilazione online rivolgersi all’indirizzo mail assistenza.servizionline@comune.modena.it). Nella domanda dovrà essere indicata l’area dirigenziale rispetto alla quale si presenta richiesta di partecipazione (è possibile partecipare a tutte le aree).

Potranno fare richiesta coloro che sono in possesso del diploma di laurea vecchio ordinamento o laurea specialistica o laurea magistrale ed equiparati. Dovranno inoltre aver compiuto almeno 5 anni di servizio a tempo indeterminato in una pubblica amministrazione o, se in possesso del dottorato di ricerca o del diploma di specializzazione, almeno 3 anni di servizio svolti in posizioni funzionali per cui è richiesto tale titolo o, per i dipendenti delle amministrazioni statali reclutati con corso concorso, un periodo di servizio di 4 anni. In alternativa, dovranno essere in possesso della qualifica dirigenziale e aver svolto il relativo incarico per almeno 2 anni, oppure aver ricoperto incarichi dirigenziali o equiparati in amministrazioni pubbliche per un periodo non inferiore a 5 anni, o ancora aver maturato esperienze lavorative di almeno 4 anni continuativi presso Enti o Organismi internazionali in posizioni funzionali apicali per il cui accesso è richiesta la laurea. Tra gli altri requisiti, la cittadinanza italiana, l’iscrizione alle liste elettorali, l’idoneità fisica a svolgere le funzioni previste, l’insussistenza di condizioni di incompatibilità e inconferibilità. Non potranno partecipare coloro che abbiano riportato condanne penali o siano state licenziate da impiego pubblico per incapacità, insufficiente rendimento o produzione di dichiarazioni false.

Nel caso le domande di partecipazione siano più di 80, verrà effettuata una preselezione online per stilare una graduatoria, di cui i primi 80 candidati saranno ammessi alla prova scritta e chi la supererà sarà ammesso alla prova orale.

A partire dal 14 giugno, sul sito istituzionale sarà comunicata la data della prova preselettiva o, se non necessaria, il calendario per lo svolgimento della prova scritta. Il colloquio orale verterà anche su aspetti tecnici specifici dell’area rispetto alla quale è stata presentata la domanda. Al termine della selezione verranno approvate due graduatorie, una per ciascuna area, che rimarranno valide per due anni e saranno utilizzate per la copertura dei posti a concorso e di eventuali ulteriori che dovessero rendersi disponibili. I candidati assunti non potranno essere trasferiti verso altro ente prima di cinque anni dalla data di inizio del servizio presso il Comune di Modena.

Il dirigente nella Pubblica amministrazione adotta gli atti di gestione amministrativa, finanziaria e tecnica necessari alla funzione assegnata, dirige e coordina le unità che compongono il proprio Servizio, organizza e gestisce le risorse umane e i collaboratori con attenzione all’attitudine, alla motivazione e alla valorizzazione delle professionalità. Questa figura dovrà pertanto possedere capacità direzionale, di leadership e attitudine al coordinamento di gruppi di lavoro, capacità di gestione dei conflitti e di negoziazione, di soluzione dei problemi e gestione delle emergenze, flessibilità e adattabilità, capacità di gestire efficacemente le situazioni stressanti mantenendo inalterata la qualità del lavoro, capacità di organizzazione e gestione delle risorse umane e finanziarie, oltre che di innovazione e semplificazione. Il trattamento economico previsto prevede lo stipendio tabellare annuo di circa 45 mila euro, la retribuzione di posizione commisurata alle funzioni attribuite, la retribuzione di risultato, oltre a eventuali indennità contrattuali.