Il 25 aprile a Parma

19

PARMA – Il 25 aprile a Parma è stato celebrato anche quest’anno con una cerimonia sobria e con una programmazione di eventi soprattutto on line, in linea con quanto previsto dalla situazione di emergenza sanitaria e dalle misure anticontagio coronavirus.

La Festa della Liberazione, momento fondamentale per la democrazia italiana, è stata una occasione in cui i parmigiani, pur distanti fisicamente, hanno potuto unirsi idealmente nei valori e negli ideali connessi a questa importante ricorrenza, che segna un momento cruciale della storia d’Italia e che è legata alla Resistenza, ai valori di libertà, uguaglianza ed alla lotta per la dignità ed i diritti dell’uomo, per la liberazione dal nazifascismo. Pertanto non si sono svolti, come già l’anno passato, cortei di piazza: il momento commemorativo è stato celebrato dalle autorità senza la presenza del pubblico. La cerimonia in piazza Garibaldi è stata trasmessa sulla pagina Facebook del Comune di Parma Città di Parma e dall’emittente televisiva locale.

Le celebrazioni sono state precedute, venerdì 23 aprile, dalla posa delle corone d’alloro sui luoghi simbolo della Resistenza e dall’intitolazione del parco Giovanni Vignali “Bellini” (nome di battaglia del Partigiano) a San Pancrazio, nella giornata di sabato 24 aprile.

Proprio nella mattina del 25 aprile è stato consegnato, poi, il riconoscimento al comandante Partigiano Bruno (Bruno Spadini) da parte del Comune di Parma e di tutte le Associazioni Partigiane ed ISREC.

In mattinata le autorità si sono date appuntamento al Monumento al Partigiano, in piazza della Pace, per la posa della corona di alloro, a cui è seguita la posa di una corona di alloro al monumento ai Caduti di Tutte le Guerre, per raggiungere, poi, piazza Garibaldi.

Si è trattato di una cerimonia breve ma intensa, segnata dalle restrizioni legate all’emergenza pandemica.

Alla cerimonia contrassegnata dalla presenza del Corpo Bandistico Giuseppe Verdi, hanno preso parte il Sindaco, Federico Pizzarotti, il Prefetto di Parma Antonio Lucio Garufi; in rappresentanza del Presidente della Regione Bonaccini, l’Assessora Regionale alla montagna, aree interne, programmazione territoriale, pari opportunità, Barbara Lori; per la Provincia di Parma, in rappresentanza del Presidente, Diego Rossi, è intervenuto Gianpaolo Cantoni, ed in rappresentanza di tutte le Associazioni partigiane cittadine, Raimondo Meli Lupi di Soragna.  

Il Sindaco, Federico Pizzarotti, nel suo intervento (Pdf Allegato) si è soffermato sull’attualità dei valori legati alla “Festa della Liberazione”, sul tema della Resistenza, in un tempo, come quello attuale, ancora segnato della pandemia. La Resistenza, infatti, presenta diverse analogie con le restrizioni legate all’emergenza Covid che hanno limitato la libertà personale di ogni cittadino, libertà di circolazione, di relazione, la possibilità di starsi vicini nelle difficoltà e la paura di un nemico che è giusto e necessario combattere, in senso fisico o astratto, per riappropriarsi della propria vita.  Allora come oggi, i valori di libertà, democrazia emergono nella loro vitalità ed attualità per una comunità che ha saputo reagire e che guarda al futuro con fiducia nell’ottica di una ripartenza.

Il Prefetto, Antonio Lucio Garufi, si è soffermato sul 25 Aprile come data fondante per nascita di una nuova Italia, affrancata dal fascismo e dall’autoritarismo. “Oggi come allora – ha sottolineato – combattiamo un male pernicioso. Stringiamoci a coorte – come recita l’Inno Nazionale – per resistere, attraverso il rispetto di comportamenti semplici, per vincere la battaglia contro il virus, che non si è ancora conclusa. Anche oggi, come 76 anni fa, quando celebrammo i nostri morti per eroismo, celebriamo i caduti della pandemia”. La vittoria su di essa ci sarà solo attraverso una Resistenza consapevole e determinata.

L’Assessora Regionale, Barbara Lori, ha fatto appello ai valori fondanti della Repubblica contemplati nella Costituzione, nata dalla Resistenza e dalla vittoria contro il fascismo. “Dobbiamo fare riferimento ai valori di unità, coesione, solidarietà, Resistenza, responsabilità – ha rimarcato. E non dobbiamo, oggi come allora, perdere la fiducia e la speranza, in vista del riscatto e della ripresa del nostro Paese dopo la pandemia”.

Gianpaolo Cantoni, in rappresentanza della Provincia di Parma, ha ricordato che “non c’è popolo che abbia un futuro se non ha la coscienza del proprio passato. Il 25 Aprile è vivo e lo è nel pretendere il rispetto quotidiano dei propri diritti”. Ha ricordato l’esperienza del padre Partigiano ed ex deportato.

Raimondo Meli Lupi di Soragna, in rappresentanza delle Associazioni Partigiane Cittadine, si è soffermato sul loro ruolo oggi, sulla necessità di promuovere costantemente i valori della “Festa della Liberazione”, attraverso azioni culturali che sappiano tramandarne il senso, i contenuti e l’attualità. “La lotta contro il nazifascismo – ha detto – non può essere dimenticata, ma deve essere alimentata sempre”.  

Il Corpo Bandistico Giuseppe Verdi ha contrassegnato l’apertura delle orazioni con l’esecuzione dell’Inno nazionale. Alla loro conclusione ha intonato “Bella Ciao” ed ha concluso con “Il Piave”, in ricordo di tutti i caduti per la libertà ed anche in rifermento ai lutti della pandemia.

Il Campanone della Torre Civica ha segnato il momento con i rintocchi solenni.  

Sempre oggi, domenica 25 aprile, a partire dalle ore 15 fino alle 19 in diretta sul sito web QuBìtv, al via l’iniziativa “Liberazione in streaming”, il progetto a cura di Esplora Aps, realizzato in collaborazione con QuBìtv e Associazione Vocinarte, con il sostegno del Comune di Parma, che vedrà alternarsi diversi artisti parmigiani ed emiliani come Marco Rovelli, Mara Redeghieri, Manìnblù, Rocco Rosignoli, Jaime Dolce. Canzoni originali, interpretazioni di altre canzoni, dal tema direttamente o indirettamente collegato alla libertà, alla liberazione e alla resistenza.

A partire dalle ore 21, su 12TvParma e sul canale YouTube Città di Parma, sarà trasmessa l’iniziativa La Resistenza e la sua luce: appuntamento fatto di musica e poesia a conclusione della giornata dedicata alle Celebrazioni del 25 aprile. Le realtà musicali della città e la voce recitante di Adriano Engelbrecht accompagneranno il pubblico in un viaggio virtuale tra alcuni dei luoghi più significativi della Resistenza, da Piazzale Picelli ai Portici del Grano, da Piazzale della Pace a Piazza Garibaldi.  Organizzato dal Comune di Parma in collaborazione con Società dei Concerti di Parma, La Toscanini, Fondazione Prometeo, Associazione culturale Parma Frontiere, Conservatorio di Musica ‘Arrigo Boito’ di Parma.

Il programma complessivo degli eventi culturali con tutte le iniziative realizzate in collaborazione con Anpi sezione di Parma, Centro Studi Movimenti, Gruppo di lettura “La Paloma – Voglia di leggere”, ISREC e Lenz Fondazione per le scuole e per la cittadinanza è reperibile al seguente link: https: //www.comune.parma.it/cultura.

Avis-Cortile San Martino, Progetto Famiglia, Amici Biblioteca San Leonardo e Isrec, col patrocinio del Tavolo Cultura San Leonardo: 

ore 15:30 – Saluto al monumento ai caduti di Pizzolese, con deposizione di corona d’alloro e Bandiera Tricolore, sulle note del Silenzio e testimonianza di Paola Zanichelli

ore 16:15 – Saluto al monumento ai caduti delle Case Vecchie, con deposizione di corona d’alloro e Bandiera Tricolore, sulle note del Silenzio e testimonianza di Iride Campanini, letta da Donatella D’Agostino

ore 17:00 – Saluto al monumento dei caduti di Ravadese, con deposizione di corona d’alloro e Bandiera Tricolore, sulle note del Silenzio e testimonianza di Nino Rolli, letta da Francesca Teza

ore 17:45 – Saluto al monumento ai caduti di tutte le guerre con deposizione di corona d’alloro e Bandiera Tricolore sulle note del Silenzio con la partecipazione del Presidente del Consiglio Comunale Alessandro Tassi Carboni e lettura delle testimonianze, presso l’ex-Comune di Cortile San Martino, Via San Leonardo 47

CELEBRAZIONI XXV APRILE 2021 – PROGRAMMA INIZIATIVE CULTURALI   

DOMENICA 25 APRILE 

Liberazione in streaming
dalle 15 alle 19
Diretta dai canali della web tv QuBìtv con diversi artisti parmigiani ed emiliani come Marco Rovelli, Mara Redeghieri, Manìnblù, Rocco Rosignoli, Jaime Dolce. Canzoni originali, interpretazioni di altre canzoni, dal tema direttamente o indirettamente collegato alla libertà, alla liberazione, alla resistenza.
Progetto a cura di Esplora Aps, realizzato in collaborazione con QuBìtv e Associazione Vocinarte, con il sostegno del Comune di Parma.
In diretta sul sito web QuBìtv www.qubitv.it 

Un mucchio di stracci neri sulla neve

dalle ore 18.00 alle ore 22.00
Lettura scenica a più voci ispirata al romanzo “L’Agnese va a morire” di Renata Viganò, adattamento di Fabrizio Croci.
Organizzato da A.N.P.I. Parma in collaborazione con A.N.P.I. di Colorno, Salsomaggiore Terme, Torrile, Fiorenzuola d’Arda.
In diretta sul canale YouTube di STAYonSTAGE progetto di formazione

La Resistenza e la sua luce dalle 21

Appuntamento fatto di musica e poesia a conclusione della giornata dedicata alle Celebrazioni del 25 aprile. Le realtà musicali della città e la voce recitante di Adriano Engelbrecht accompagneranno il pubblico in un viaggio virtuale tra alcuni dei luoghi più significativi della Resistenza, da Piazzale Picelli ai Portici del Grano, da Piazzale della Pace a Piazza Garibaldi.  Organizzato dal Comune di Parma in collaborazione con Società dei Concerti di Parma, La Toscanini, Fondazione Prometeo, Associazione culturale Parma Frontiere, Conservatorio di Musica ‘Arrigo Boito’ di Parma.

Su 12TvParma e sul canale YouTube Città di Parma 

 Viale San Michele. Prima che si imbianchino le cantine

dalle ore 10 alle ore 24  

Streaming integrale e gratuito del nuovo capitolo dell’indagine drammaturgica sulla tragedia europea durante le dittature nazi-fasciste a cura di Francesco Pititto.

Il progetto permanente su Resistenza e Olocausto realizzato da Lenz Fondazione in collaborazione con l’ISREC – Istituto storico della Resistenza e dell’Età Contemporanea di Parma.

Visibile dall’homepage www.lenzfondazione.it  

Incontri sulla Resistenza in Italia
a cura di ISREC Parma nell’ambito della Settimana Civica: “Noi come cittadini, noi come popolo” del Coordinamento Nazionale Enti Locali per la Pace e i Diritti Umani:

Partigiani d’oltremare. Dal corno d’Africa alla Resistenza italiana
Incontro con Matteo Petracci (autore dell’omonimo volume, edizioni Petracci, 2019)
Evento in collaborazione con ONG “Parma per gli altri”;

La Resistenza. Primi nuclei armati, partigiani di pianura e stragi nazifasciste
Marco Minardi (ISREC Parma), Mariachiara Conti (storica) e Mario Renosio (ISR Asti)

Dal 25 aprile disponibile sul canale YouTube dell’ISREC e sul canale YouTube Città di Parma, la registrazione degli incontri organizzati per le scuole.

Bella ciao. La Resistenza in Italia

a cura di Centro Studi Movimenti
Incontro con Santo Peli, uno dei più importanti studiosi di storia della lotta partigiana, autore di importanti volumi come La Resistenza in Italia (Einaudi 2004) e Storie di Gap. Terrorismo urbano e Resistenza (Einaudi 2015).
Dal 25 aprile disponibile sul canale YouTube del Centro Studi Movimenti e sul canale YouTube Città di Parma, la registrazione degli incontri organizzati per le scuole. 

Altre iniziative dedicate alle Celebrazioni – dal 16 aprile all’8 maggio a cura di: 

  1. N. P. I. sezione di PARMA

29 aprile ore 18.00
“Memorie partigiane”
Incontro con lo storico Santo Peli 

Per partecipare agli incontri è necessario scrivere e prenotarsi a cittadino@anpiparma.it specificando l’incontro a cui si intende assistere, verrà poi inviato agli iscritti il link di collegamento 

ISREC – Istituto storico della Resistenza e dell’Età Contemporanea di Parma

Dialoghi sulla storia in tempo di Covid-19″
Quattro incontri che metteranno a confronto studenti delle scuole superiori con autori di storia contemporanea scelti da alcuni insegnanti degli istituti: Romagnosi, Marconi, Sanvitale, Maria Luigia, Bertolucci.

16 aprile ore 15.30
Bruno Maida “Treni dell’accoglienza” Einaudi Storia 2020
21 aprile ore 15.15
Carlo Greppi “L’età dei muri. Breve storia del nostro tempo” Feltrinelli 2019
29 aprile ore 15.30 

Ferdinando Fasce, “I presidenti USA. Due secoli di storia” Carrocci 2008
6 maggio ore 16
Alessandra Mastrodonato, “Parma ’68. Gli anni della contestazione giovanile e la stagione dei movimenti” MUP 2021
Gli incontri si terranno in diretta streaming sul canale YouTube dell’Istituto Storico della Resistenza e dell’Età Contemporanea di Parma
Per info:
direzione@istitutostoricoparma.it

Centro Studi Movimenti 

 8 maggio ore 17.00 

Presentazione del volume Una stagione di fuoco. Fascismo guerra Resistenza nel Parmense (Bfs 2021) 

A cura del Centro Studi Movimenti 

Luogo da definire. L’evento si terrà nel rispetto delle indicazioni del Dpcm in vigore.