Il 21 gennaio webinar con Vera Gheno

29

Giovedì alle ore 19.00 appuntamento con Città inclusive sulla pagina Facebook di Dire+Fare=Fondare

BOLOGNA – Prosegue il ciclo di webinar dal titolo Cosmopolis, approfondimenti sui temi legati alla città, in cui personalità del panorama culturale italiano propongono prospettive di dialogo e si aprono alle domande di giovani studentesse e studenti delle scuole superiori o dell’Università di Bologna. L’iniziativa, nata durante il lockdown, è parte di Dire+Fare=Fondare, l’insieme di attività digitali di teatro partecipato che ERT Fondazione sta mettendo in campo con le scuole della città, nell’ambito di Così sarà! La città che vogliamo, il progetto promosso dal Comune di Bologna e realizzato da Emilia Romagna Teatro Fondazione, finanziato con i fondi europei del Programma Operativo Nazionale Città Metropolitane (PON Metro) 2014-2020 e rivolto a un pubblico di giovani cittadini.

L’appuntamento è con Città inclusive, giovedì 21 gennaio, alle ore 19.00, sulla pagina Facebook di Dire+Fare=Fondare

(https://www.facebook.com/DireFareFondare/) con la sociolinguista Vera Gheno in dialogo con le studentesse Cecilia Fuda e Giada Molinari della classe 1A del Liceo Galvani di Bologna.

«Che cosa significa “inclusione”? Invitati a spiegare il termine,  ̶  afferma Vera Gheno  ̶   quasi tutti parleremo della necessità di rivolgere la nostra attenzione – o l’attenzione di chi ci amministra – a tutti coloro che hanno bisogno, per varie ragioni, di essere inclusi nella società. A ben vedere, questo termine – assieme all’ancor più scivoloso “tolleranza” – nasconde un certo bias: che ci sia una maggioranza “normale” che lavora per far sì che anche “gli altri” possano sentirsi parte della società.

Ma in una società ipercomplessa, in cui incontriamo la “differenza”, nel senso più ampio della parola, in continuazione, basta essere “inclusivi”? E come facciamo a rendere più inclusive le nostre città? C’entra forse anche il linguaggio?».

Foto Umberto Costamagna per Wired Italia

Dopo aver incontrato la compagnia Sotterraneo, negli appuntamenti estivi di In Chiostro e dintorni, Gheno si confronta ora con giovani cittadine bolognesi, da mesi impegnate, come molti dei loro colleghi e coetanei, in laboratori finalizzati proprio all’ideazione di una città ideale: tema fondamentale in un momento come quello attuale, in cui la città è sempre meno vissuta, per far fronte all’emergenza sanitaria. Una città allo stesso tempo sempre più pensata dalle nuove generazioni come un luogo di ritrovo e accoglienza, di cui prendersi cura e da abitare.

Vera Gheno, sociolinguista specializzata in comunicazione digitale e traduttrice dall’ungherese, ha collaborato per vent’anni con l’Accademia della Crusca. Attualmente lavora con la casa editrice Zanichelli. Insegna come docente a contratto all’Università di Firenze. La sua prima monografia è del 2016: Guida pratica all’italiano scritto (senza diventare grammarnazi); del 2017 è Social-linguistica. Italiano e italiani dei social network (entrambi per Franco Cesati Editore). Nel 2018 è stata coautrice di Tienilo acceso. Posta, commenta, condividi senza spegnere il cervello (Longanesi). Nel 2019 ha dato alle stampe Potere alle parole. Perché usarle meglio (Einaudi), La tesi di laurea. Ricerca, scrittura e revisione per chiudere in bellezza (Zanichelli), Prima l’italiano. Come scrivere bene, parlare meglio e non fare brutte figure (Newton Compton), Femminili singolari. Il femminismo è nelle parole (EffeQu); è del 28 aprile 2020 l’ebook per Longanesi Parole contro la paura. Istantanee dall’isolamento. Dal 14 settembre conduce, con Carlo Cianetti, il programma di Rai Radio1 Linguacce, in onda dal lunedì al venerdì dalle 15.30 alle 16.00.

Dire+Fare=Fondare

Giovedì 21 gennaio 2021, ore 19.00

Cosmopolis webinar

Città inclusive

con Vera Gheno
in dialogo
con le studentesse Cecilia Fuda e Giada Molinari della classe 1A del Liceo Galvani di Bologna
si ringrazia la prof.ssa Carlotta Bendandi