Il 14 dicembre seminario sui contaminanti da oli

4

Alle 15.30, on line e in presenza. Organizzato dal Master Internazionale in Tecnologia degli Alimenti – MITA delle Università di Parma e di Buenos Aires

PARMA – È in programma per martedì 14 dicembre, alle 15.30, il seminario Contaminanti da oli, organizzato dal Master Internazionale in Tecnologia degli Alimenti – MITA delle Università di Parma e Buenos Aires diretto da Giuseppe Bonazzi (docente del Dipartimento di Scienze Medico-Veterinarie dell’Ateneo) e dal docente Franco Antoniazzi.

MOSH (Mineral Oil Saturated Hydrocarbon) e MOAH (Mineral Oil Aromatic Hydrocarbon) sono oli minerali di origine fossile, dannosi per la salute, che si possono trovare negli alimenti e nelle bevande come residui dei processi produttivi. Sono leggeri ma tossici, migrano attraverso l’aria e si fissano sugli alimenti. Questi contaminanti, che si ritroviamo in particolare in alcuni oli, possono anche derivare da cessioni dagli imballaggi.

L’Unione Europea ha pubblicato nel 2017 la raccomandazione 2017/84 per analizzare la presenza di MOSH e MOAH nei prodotti alimentari e negli oggetti destinati a venire a contatto con essi: ad esempio i materiali utilizzati per impacchettare pane e panini, cereali da colazione, gelati e dolci.

Nel corso del seminario Sabrina Moret, docente dell’Università di Udine, Gianni Galaverna, docente dell’Università di Parma (Dipartimento di Scienze degli Alimenti e del Farmaco) e Vincenzo Tapella, CEO di ATICI (gruppo ISF Genova), analizzeranno le difficoltà analitiche in funzione delle diverse matrici alimentari, per passare poi alle possibili strategie per ridurre/eliminare questi elementi tossici.

Sabrina Moret è docente di Chimica degli Alimenti all’Università di Udine. Dal 2005 è componente del gruppo di lavoro “contaminanti” del Sottocomitato per gli Oli Vegetali della Commissione Tecnica (Stazione Sperimentale Oli e Grassi di Milano). È co-autrice di oltre 60 pubblicazioni scientifiche su importanti riviste nazionali e internazionali nel campo dell’analisi chimica degli alimenti e inquinanti.

Gianni Galaverna è docente di Chimica degli Alimenti all’Università di Parma. La sua attività di ricerca è principalmente rivolta alla messa a punto di nuovi metodi per la separazione e identificazione di componenti principali e secondari degli alimenti (amminoacidi, peptidi, micotossine, antiossidanti, DNA) e all’applicazione di questi metodi a vari tipi di alimenti (formaggi, salumi, succhi di frutta, latte, yogurt, vino, cereali, ecc.) in correlazione con i processi di produzione e trasformazione, con la stagionatura e la conservazione, con i problemi di contaminazione chimica o microbiologica.

Vincenzo Tapella è CEO di ATICI (ISF group – Intercontinental Specialty Fats Genova). È responsabile globale per le attività di acquisto, logistica, grassi sostenibili di Ferrero

Il seminario potrà essere seguito on line sia in lingua italiana sia in lingua spagnola. Per assistere occorre registrarsi a questo link:

https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLSeh-h6J5WLVTrfXJdUAOFLVD0ZTbEYQ_z0V_CwpWKxWShdsGA/viewform

La registrazione del seminario sarà anche pubblicata sul sito del Dipartimento di Scienze Medico-Veterinarie, a questo link:

https://smv.unipr.it/it/seminarimitavideoregistrazioni

È possibile anche partecipare in presenza, al Centro Sant’Elisabetta del Campus Scienze e Tecnologie dell’Università di Parma, previa iscrizione all’indirizzo promocionpcyt@agro.uba.ar