Ieri l’apertura al pubblico del nuovo Lungomare Sud ultimato

12
@photo_Marzio Bondi

MISANO ADRIATICO (RN) – Con l’apertura ufficiale, alla presenza di cittadini e turisti, si è concluso il progetto di restyling del Lungomare Sud di Misano e dell’ingresso alla suggestiva darsena di Portoverde.

Con la conclusione del secondo stralcio dei lavori, che erano partiti lo scorso ottobre, quattro mesi dopo l’inaugurazione del primo step, si completa uno dei progetti più importanti della legislatura, che ha visto il fondamentale contributo della Regione Emilia – Romagna. L’intervento, infatti, rientra nell’ampia operazione di riqualificazione e rigenerazione del prodotto balneare messa in campo dalla Regione, che ha riguardato i waterfront di 10 Comuni costieri.

Nello specifico, a Misano Adriatico sono stati riconosciuti 1.750.000 euro dei 2.900.000 complessivi.

Il secondo stralcio dei lavori, ultimati nei giorni scorsi, ha interessato il camminamento che da Via Passeggiata dei Fiori conduce a piazza Colombo, nel cuore di Portoverde. Nell’ambito dei lavori, è stata riqualificata anche l’area di sosta di Via dei Gigli, con la realizzazione di un “parcheggio – giardino” di oltre 100 posti auto. Un anno fa era stato realizzato il tratto, di circa 700 metri, compreso tra Via D’Azeglio e Via Passeggiata dei Fiori.

All’apertura sono intervenuti il sindaco Fabrizio Piccioni, il responsabile dell’Ufficio Tecnico Comunale e Progettista dell’Opera Alberto Gerini, che ha illustrato la complessità del progetto e ha ringraziato le ditte coinvolte nei lavori, il Presidente della Portoverde SPA Lorenzo Spadini e la Presidentessa del locale Comitato Cittadino Gabriella Corno.

Ad allietare la mattinata, la performance dal vivo del pianista Stefano Zambardino e il buffet organizzato dall’Istituto Alberghiero di Riccione.

LE CARATTERISTICHE DEL PROGETTO

L’area complessiva interessata dalla riqualificazione si estende su 25.000 metri quadri, di cui 4.000 in precedenza attraversati da strade che, dopo l’intervento, sono stati riconvertiti alla mobilità lenta e ad una forte presenza di verde, con l’inserimento di 4.200 arbusti, 150 alberi, 7.000 mq prato e l’impiego di 400 irrigatori e 8 km di ala gocciolante.

Il vecchio marciapiede è stato sostituito con uno ben più ampio, pavimentato con 3.000 metri quadri di pietra naturale (quarzite brasiliana, porfido, marmo, pietra di Luserna) ed affiancato da una nuova pista ciclabile che si inserisce all’interno della ciclovia Adriatica, per il transito in piena sicurezza dei ciclisti.

Nella pavimentazione sono state realizzate delle figure marine da scoprire lungo la passeggiata. A completamento dell’opera sono stati messi a dimora piante e arbusti.