I rischi nella gestione degli appalti durante il Covid

27

Lunedì 30 novembre, alle 14.30, seminario di formazione on line. Primo appuntamento del ciclo per la promozione della legalità curato dal Comune di Modena

MODENA – È dedicato ai rischi nella gestione del ciclo degli appalti, tra innovazioni normative e l’emergenza sanitaria dovuta al Covid-19, il seminario in programma lunedì 30 novembre, alle 14.30, accessibile on line sulla piattaforma “Go to meeting”.

Il seminario, aperto a tutti gli interessati, è indirizzato prevalentemente ad amministratori pubblici, dipendenti degli enti locali, componenti del tessuto sociale ed economico. Promosso dal Comune di Modena in collaborazione con la Regione Emilia Romagna e Avviso Pubblico, l’appuntamento è il primo del ciclo “Legalità e territorio 2020”, il ciclo di incontri per la prevenzione del crimine organizzato e mafioso e la promozione della cultura della legalità.

Per partecipare al seminario è necessario iscriversi inviando una mail all’indirizzo di Avviso Pubblico (organizzazione@avvisopubblico.it).

L’incontro approfondirà la normativa sugli appalti alla luce delle semplificazioni in materia di individuazione, qualificazione e pesatura dei rischi corruttivi e delle misure di prevenzione connesse. Dopo il saluto introduttivo dell’assessore ai Lavori pubblici e Politiche per il lavoro e la legalità Andrea Bosi, la direttrice generale del Comune Valeria Meloncelli presenterà il corso. Seguiranno gli interventi di Maria Di Matteo, segretaria generale del Comune di Modena, e di Pierdanilo Melandro, avvocato specializzato in contratti pubblici e dirigente della centrale di committenza della Regione Marche.

Il secondo appuntamento, dedicato a “Etica, mafie e corruzione”, sarà venerdì 4 dicembre. I due incontri successivi, sul contrasto al riciclaggio e su appalti, mafie e corruzione, saranno programmati nel mese di gennaio.

Il corso è realizzato nell’ambito del progetto “Legalità e territorio 2020”, cofinanziato dalla Regione Emilia Romagna e co-progettato con l’associazione Avviso Pubblico, Enti locali e Regioni per la formazione civile contro le mafie.