Grande successo per la prima di H[you]MAN – Il pensiero umano da Platone alle fake news

53

Lo spettacolo teatrale è andato in scena sabato 23 novembre ore 21.00 al Teatro Malatesta

MONTEFIORE CONCA (RN) – Grande successo per H[you]MAN – Il pensiero umano da Platone alle fake news, Opera artistica del regista riminese Joseph Nenci, andata in scena sabato 23 novembre nella splendida cornice del Teatro Malatesta di Montefiore Conca, uno dei più belli e antichi Borghi d’Italia.

“Che il concetto di “essenza umana” sia un’astrazione non v’è dubbio alcuno” sottolinea il regista Nenci, “e proprio su questo concetto abbiamo posto le basi del progetto. E dunque H[you]MAN cosa NON è stato? Non è stato uno “spettacolo” teatrale. Non è stata una “lezione” di filosofia. Non è stata una “mostra” collettiva. E’ stata piuttosto l’occasione per lo spett-attore di assistere ad un vero e proprio incontro tra le Arti. Un momento di grande cultura artistica partecipata. Un viaggio onirico e psichedelico nel pensiero dell’uomo”.

Orgoglioso, il Sindaco di Montefiore Conca, il Dr. Filippo Sica di aver creduto nel progetto, afferma: “se la cultura rappresenta il cibo per l’anima, lo spettacolo del regista Nenci è stato un vero banchetto al quale ci siamo abbondantemente saziati”

H[you]MAN, un progetto ambizioso e avvincente che ha visto fondere insieme abilità e talenti di diverse Arti: la pittura di Laura Temellini, la scultura di Sisto Righi, la video arte astratta e concettuale di Joseph Nenci e la musica del giovane talento montefiorese Luca Fraternali sapientemente miscelate insieme dai racconti filosofici del Dr. Giulio Gallo che conclude: “Il pensiero umano è legato all’eudaimonia, la ricerca della felicità. H[you]MAN è questo. Un percorso diacronico che tramite i più straordinari filosofi greci, orientali e contemporanei conduce mediante la techne’ della video arte a ricercare l’antidoto a ciò che invece sta conducendo l’homo digitale al totale regresso intellettuale. Il credere senza via di scampo al dilagarsi di fake  news che soltanto perché vengono divulgate nelle reti sociali diventano un paradigma da accettare senza condizioni. La retorica è la nemica giurata della filosofia. E la musica, l’educazione delle Muse può provare a farci ritornare a quando il pensiero era l’unico valore etico e morale dell’uomo. Che cosa unisce Platone e Matrix?” prosegue Gallo “Agostino e i nostri tabu’? Il concilio di Nicea e Hitler?  Kennedy e Cartesio? H[you]MAN discende nella caverna socratica per toccare il fondo del nichilismo umano per poi risalire verso la luce della verità, fra Eros, l’Islam, il Don Giovanni di Mozart, per risvegliare le coscienze dell’uomo nella domanda più antica. Perché avere paura della morte? Quando ci siamo noi lei non c’è. E quando c’è lei non ci siamo noi. Quello di cui bisogna aver paura è invece credere a ciò  di cui non si ha nessuna testimonianza reale se non un “like” su Facebook. Perché stupido è chi lo stupido fa”.

Ha Introdotto la serata il Presidente dell’Associazione culturale DARDO, il Dr. Valerio Savioli il quale sostiene: “Una serata perfetta, all’insegna di un lavoro eccelso, che ha saputo fondere nel migliore dei modi filosofia, musica e arte. Per noi dell’Associazione Culturale DARDO, il discrimine fondamentale resta la qualità dello sforzo e l’attenzione per il sociale. Lo spettacolo infatti è stato l’occasione per raccogliere fondi per le famiglie in difficoltà di Montefiore. Fieri e grati di essere stati parte di tutto ciò.”

Preziosa la collaborazione con il noto regista sammarinese Philippe Macina che ha coadiuvato Nenci nel coordinamento artistico e nella produzione.
L’ingresso è stato gratuito con contribuzione volontaria libera e tutto il ricavato è stato devoluto in beneficenza al Comune di Montefiore Conca per il sostegno di alcune famiglie in difficoltà, come sottolineato dal Dr. Savioli.

Spettacolo artistico prodotto da DARDO e TRASMETTO in collaborazione con la Casa D’Arte San Lorenzo – Piazzale Ceccarini, Riccione e la Casa degli Artisti di Sant’Anna del Furlo. Media partners Riminiamo e Voce23

.