Giornate FAI per le scuole dall’8 al 13 marzo 2021

31

Centinaia di luoghi identitari raccontati su Instagram dagli studenti Apprendisti Ciceroni del FAI

MILANO – Ritorna il grande evento nazionale che il FAI – Fondo Ambiente Italiano da nove anni dedica al mondo della scuola, nel cui ambito gli studenti sono chiamati a mettersi in gioco in prima persona, per scoprire da protagonisti la ricchezza del patrimonio culturale italiano.

L’edizione di marzo 2021 si svolgerà in modalità totalmente digitale: da lunedì 8 a sabato 13 marzo 2021 gli Apprendisti Ciceroni, studenti appositamente formati dai volontari FAI che operano in un dialogo continuo con i loro docenti, trasmetteranno in diretta su Instagram e in differita sui canali IGTV delle Delegazioni FAI il racconto dei propri luoghi identitari.

Il progetto risponde al desiderio dei giovani di scendere in campo per uscire dall’isolamento, per vivere un’esperienza di cittadinanza attiva e di educazione tra pari, anche se a distanza, e per cogliere l’opportunità di formarsi e di arricchirsi culturalmente, raccontando le bellezze del nostro Paese.

Il palinsesto permetterà di far conoscere quei luoghi che i giovani considerano importanti per il loro valore identitario e quindi degni di essere preservati e valorizzati per il futuro: antichi monasteri, abbazie, siti archeologici, musei, fontane, cinte murarie, giardini storici, parchi, ville e luoghi di natura del territorio; faranno inoltre rivivere le tante piazze cittadine, luoghi di ritrovo dei giovani, e permetteranno a tutti di conoscere le bellezze che racchiudono le “loro scuole”, quali edifici artisticamente pregevoli e ricchi di testimonianze dei personaggi del passato e di grande valore simbolico in questo difficile momento storico.
Gli studenti di Castel Volturno in provincia di Caserta, in particolare, sperimenteranno il progetto pilota “FAI ponte tra culture” per favorire l’integrazione e il dialogo tra tutti i cittadini – con rimandi e confronti tra i luoghi identitari del territorio e quelli dei paesi dei compagni di origine straniera.

Grazie a una narrazione condotta secondo il principio dell’educazione tra pari, gli studenti di tutta Italia collegandosi al sito www.giornatefaiperlescuole.it potranno scegliere tra centinaia di dirette e contenuti video trasmessi sui social, per conoscere e quindi imparare ad apprezzare i tanti elementi diversi che contribuiscono a formare, come in un mosaico, un’identità ricca, ma unitaria: l’identità italiana.

Il grande interesse nei confronti di iniziative che coinvolgono la scuola, insieme all’attenzione e al rispetto per l’ambiente, hanno portato AGN ENERGIA a sostenere anche quest’anno il progetto dalla forte valenza didattica, sociale e culturale e a mettere a disposizione la propria esperienza nell’ambito del risparmio energetico. In occasione dell’evento lancerà inoltre una nuova edizione del sondaggio online “LA TUA IDEA GREEN”www.giornategreen.agnenergia.com/sondaggio-premio. Dal 17 febbraio al 16 maggio 2021 gli studenti potranno indicare le azioni che ritengono prioritarie per la salvaguardia dell’ambiente, in linea con gli obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile dell’Agenda 2030 definiti dall’ONU – Organizzazione delle Nazioni Unite. Partecipando e registrandosi i ragazzi avranno la possibilità di vincere una tessera Feltrinelli da 500€ e far dedicare alla loro scuola l’adozione di un Pino domestico centenario nel Parco dell’Abbazia di San Fruttuoso di Camogli (GE), Bene del FAI dal 1983. Monastero benedettino dell’anno mille, l’Abbazia di San Fruttuoso è un gioiello incastonato in una piccola insenatura, nel Parco Naturale di Portofino, protetta da una torre cinquecentesca dei Doria e circondato da poche casette di pescatori.

Il sondaggio “LA TUA IDEA GREEN” di AGN ENERGIA e la scelta di sostenere l’iniziativa di manutenzione del verde sono volti a sensibilizzare i giovani alla sostenibilità ambientale e completano l’esperienza di cittadinanza attiva vissuta dagli studenti in occasione di Giornate FAI per le scuole.

Il progetto si avvale del patrocinio della Commissione Europea e del Ministero della Cultura, del Patrocinio e del sostegno di Regione Campania, Regione Lazio, Regione Toscana e Provincia Autonoma di Trento ed è attuato in collaborazione con l’Associazione Nazionale dei Dirigenti e delle Alte Professionalità della Scuola. RAI è Main Media Partner dell’iniziativa.

Per informazioni sui beni aperti e per le prenotazioni delle visite consultare il sito internet www.giornatefaiperlescuole.it

TRA I LUOGHI PIÙ INTERESSANTI IN EMILIA ROMAGNA

BOLOGNA
Quadreria di Palazzo Rossi Marsili
Inaugurata il 24 novembre 2016, conserva i dipinti di scuola bolognese dal Cinquecento al Settecento appartenenti al vasto patrimonio delle Opere Pie. La collezione, situata all’interno di Palazzo Rossi Poggi Marsili, antica dimora del conte Francesco, fu donata alla sua morte nel 1715 all’Opera Pia dei Poveri Vergognosi, istituzione caritatevole bolognese confluita in tempi recenti in ASP Città di Bologna, Azienda pubblica di Servizi alla Persona. La storia dell’ASP si intreccia con quella di Bologna: le opere della collezione sono state infatti tutte donate da nobili famiglie bolognesi.

Trasmissione a cura degli Apprendisti Ciceroni del Liceo Classico Marco Minghetti

Orari delle trasmissioni: martedì 9 e mercoledì 10 marzo alle 17.30 e alle 18.30; giovedì 11 e venerdì 12 marzo alle 14 e alle 20

FERRARA
Castello Estense
Il Castello Estense, o Castello di San Michele, è il monumento più rappresentativo della città di Ferrara. Nato come presidio difensivo nel XIII sec, si è sviluppato intorno al 1385 in una fortezza recintata con quattro torri e fossato perimetrale, per volere di Nicolò II, su progetto di Bartolino da Novara. Nel 1476, Ercole I d’Este (1431-1505) e la moglie Eleonora d’Aragona lo elessero a Palazzo di Corte. L’attuale aspetto del castello si deve a Girolamo da Carpi che, a seguito di un incendio, nel 1554 ne progettò il restauro. Cuore pulsante della vita politica e culturale della Ferrara estense, il castello divenne soprattutto sotto il governo di Alfonso I (1505-1534) una straordinaria fucina creativa, e in questo periodo furono interpellati per la realizzazione di opere e decorazioni artisti come Dosso Dossi, Raffaello, Michelangelo, Giulio Romano, Tiziano, Fra Bartolomeo. Nel 1597, alla morte dell’ultimo degli Estensi Alfonso II, e al passaggio del governo della città ai Legati Pontifici, divenne sede dell’amministrazione del territorio.

Trasmissione a cura degli Apprendisti Ciceroni dell’Istituto di Istruzione Superiore Giosuè Carducci

Orario della trasmissione: venerdì 12 marzo alle ore 10

Palazzo Costabili detto di Federico il Moro
Il Palazzo fu commissionato alla fine del XV secolo da Antonio Costabili, ambasciatore degli Estensi a Milano e segretario di Ludovico il Moro il quale, secondo la tradizione, ne suggerì la costruzione. Il progetto fu affidato a Biagio Rossetti e vide all’opera i maggiori artisti della corte estense, ma rimase incompiuto. Nel 1935 divenne sede del Museo di Spina. Centro del palazzo è lo splendido cortile d’onore, completato solo su due lati, ornato da un doppio loggiato con decorazione scultorea in pietra bianca.

Trasmissione a cura degli Apprendisti Ciceroni dell’Istituto di Istruzione Superiore Giosuè Carducci

Orario della trasmissione: sabato 13 marzo alle ore 11

PARMA
Convitto nazionale Maria Luigia

Gli studenti dei licei che hanno sede nell’antico palazzo dell’Arena, sito nel centro storico della città di Parma, illustreranno al pubblico le magnifiche sale storiche perfettamente conservate. Le visite saranno condotte sfruttando i canali social e valorizzando le conoscenze digitali degli studenti, i quali con orgoglio e competenza guideranno il vasto pubblico di internet alla conoscenza dei luoghi eccezionali che il loro istituto custodisce: scrigno di testimonianze artistiche e insieme luogo identitario della storia culturale della città.

Trasmissione a cura degli Apprendisti Ciceroni del Liceo Classico e Liceo Europeo del Convitto Nazionale Maria Luigia

Orari delle trasmissioni: lunedì 8 martedì 9 marzo alle ore 15; giovedì 11 marzo alle 15 e alle 16

REGGIO EMILIA
Orto botanico didattico
L’orto botanico didattico del Liceo Scientifico “Aldo Moro” realizzato nel 1995 è un caso unico nel panorama scolastico regionale e tra i pochissimi a livello nazionale. Esso nasce all’interno di una spiccata vocazione ambientalistica del Liceo e dall’utopia classica della “scuola giardino”, come luogo di armonico rapporto fra lo sviluppo delle idee e la natura. La disposizione degli alberi permette di fare esperienza delle fasce vegetazionali della provincia di Reggio Emilia come quelle degli “Alberi dell’uomo” e della “Passeggiata ducale”. In altre aree sono stati messi a dimora alberi provenienti da ogni parte del mondo.

Trasmissione a cura degli Apprendisti Ciceroni del Liceo Scientifico Aldo Moro

Orari delle trasmissioni: giovedì 11 marzo alle ore 13; sabato 13 marzo alle 11 e alle 11.30

Per l’elenco completo delle trasmissioni in Emilia Romagna collegarsi al link
https://www.fondoambiente.it/il-fai/grandi-campagne/giornate-fai-per-le-scuole/i-luoghi-aperti?search=emilia%20romagna

Foto: Giornate FAI per le Scuole 2021 Foto Barbara Verduci 2020 (C) FAI – Fondo Ambiente Italiano