Giornata nazionale delle Vittime civili, delle guerre e dei conflitti nel mondo, la cerimonia in Comune (FOTO)

42

Il sindaco Enzo Lattuca: “Si rafforzi in tutti noi quel ripudio della guerra sancito dall’articolo 11 della nostra costituzione”

CESENA – “A pochi giorni dalla celebrazione della Giornata della Memoria in cui ci siamo fermati per ricordare le tantissime vittime innocenti della Shoah, oggi ci raccogliamo nuovamente con la consapevolezza di quello che è il nostro ruolo: dire un No deciso ai conflitti in corso e mantenere viva la memoria dei tragici eventi passati affinché si rafforzi in noi quel ripudio della guerra sancito anche dall’Articolo 11 della nostra Costituzione”. Lo ha detto il Sindaco Enzo Lattuca nel corso della cerimonia in memoria delle vittime civili delle guerre e dei conflitti nel mondo tenutasi questa mattina all’ingresso del Palazzo Comunale con la deposizione di una corona alla lapide che ricorda le Vittime di guerra. Alla presenza delle Autorità civili e militari, del Vicepresidente dell’ANVCG di Forlì-Cesena Gisberto Maltoni e della Consigliera provinciale Cristina Nicoletti, il Sindaco ha ricordato le drammatiche ore del 13 maggio 1944 quando alle 14,45 Cesena fu bombardata per la prima volta.

Nei sette mesi successivi si abbatterono sulla città 76 fra bombardamenti e mitragliamenti aerei (l’ultimo l’11 dicembre 1944, quando la città era già stata liberta), mentre nelle campagne se ne registrarono altri 62. Nei 138 bombardamenti che colpirono il cesenate persero la vita circa 700 civili innocenti: uomini, donne, bambini, anziani, malati che non avevano altra colpa se non quella di non essere riusciti a trovare un rifugio sicuro. A loro si aggiungono i 1800 che rimasero feriti e che, in molti casi, subirono mutilazioni permanenti, e i tanti che persero tutto. “Ho votato con convinzione, nel 2017, in Parlamento, la legge che ha istituito quella di oggi come Giornata nazionale delle vittime civili delle guerre e dei conflitti nel mondo, che è nata anche grazie, e soprattutto, all’impegno dell’Associazione Nazionale Vittime Civili di Guerra, presente qui oggi e che ringrazio”, ha concluso Lattuca.