Ginevra Di Marco in concerto il 5 agosto a San Marino

23

EMILIA ROMAGNA – Ginevra Di Marco, indimenticabile voce femminile dei C.S.I., sarà protagonista del secondo dei concerti principali dell’Ace Jazz Festival San Marino. Mercoledì 5 agosto si esibirà a Città di San Marino (​Cava dei Balestrieri, ore 21.15) in un omaggio a Luigi Tenco: un nuovo splendido tassello nel suo percorso ai vertici del cantautorato italiano. Ad accompagnarla ci saranno Francesco Magnelli (pianoforte) e Andrea Salvadori (chitarre).

A preparare l’atmosfera, in attesa del concerto di prima serata, nel pomeriggio si potrà ascoltare un live “A bassa densità” con il quartetto Welcome to the Django (ore 18.30 in Piazza Garibaldi). La serata troverà poi la sua conclusione con la jam session che si terrà dalle ore 23.30 al Treesessanta Libroteca di Città di San Marino, ​ a cura del Rimini Jazz Club.

I concerti si svolgono nel più rigoroso rispetto delle normative e ordinanze per gli spettacoli dal vivo, in seguito alle quali i posti disponibili saranno limitati. Per permettere una più ampia partecipazione di pubblico, il concerto di Ginevra Di Marco sarà trasmesso in diretta streaming sulle pagine social del festival (www.facebook.com/AceJazzFestivalSanMarino).

Ace Jazz Festival San Marino è un evento voluto dalla Segreteria di Stato per il Turismo della Repubblica di San Marino, organizzato dall’Associazione Produzione Culturale con la direzione artistica di Sara Jane Ghiotti, in collaborazione con l’Ufficio del Turismo e realizzato grazie alla preziosa sinergia pubblico privato con il contributo di Conad Azzurro Superstore, Dpiù, Gruppo C’è Supermercati Affiliati Coal, La Sociale, Titancoop.

Quello che conta è il nuovo album di Ginevra Di Marco, entrato in produzione proprio mentre l’Italia iniziava a uscire dalla paralisi del lockdown imposto dall’emergenza sanitaria. Il progetto è dedicato a Luigi Tenco: un viaggio attraverso i capolavori di uno dei maestri della musica italiana, intrapreso da una delle voci più intense ed emozionanti del nostro paese. “Gli anni ci hanno insegnato che quello che conta è la misura in cui si ama qualcuno e la sua arte. Più ne siamo innamorati più accade che lo si riesca a interpretare e a restituire con personalità”. Le parole di Ginevra Di Marco aprono la strada a una profonda appropriazione espressiva.

Il percorso di “Quello che conta” è iniziato nel 2018, quando alla Di Marco fu proposto di affrontare il repertorio di Luigi Tenco con un taglio trasversale tra musica classica e moderna. Da lì scaturirono i primi concerti, con il suo trio e un quartetto classico, con le partiture per archi appositamente riscritte. Del resto, anche se in maniera non altrettanto sistematica, la Di Marco aveva già interpretato alcuni brani di Tenco, riconoscendogli il merito di essere stato un cantante al quale non interessava la sicurezza dei linguaggi di moda. Ad attrarre la Di Marco sono le soluzioni inedite di Tenco, che mescolano beat, rock, strumenti classici e incursioni nella musica popolare con il piglio e la sensibilità di uno che sta guardando oltre.

In attesa dell’uscita del disco, è stata pubblicata online una toccante versione della canzone che gli dà il titolo, “Quello che conta” (scritta da Ennio Morricone e Luciano Salce). Tenco la interpretò nel 1967, ma a riascoltarne oggi le parole sembrerebbe sia stata pensata per descrivere la primavera del 2020. Del resto, “anche in tempi di solitudine bisogna raccontare” diceva Luis Sepúlveda. E la Di Marco coglie in pieno il senso di rinascita che può scaturire dalla parole.

Ginevra Di Marco (Firenze, 1970) è celebre ancora oggi per i suoi esordi come voce femminile dei C.S.I. (1993-2001) e poi dei PGR (2001–2004). La sua carriera da solista si inaugura nel 1999 con l’album Trama tenue, che le vale la Targa Tenco e il Premio Ciampi come miglior disco d’esordio. Arrivano poi Disincanto e Stazioni Lunari prende terra a Puerto Libre, che confermano i frutti della collaborazione con Francesco Magnelli, suo partner anche nei C.S.I. oltre che nella vita. Il recupero e la rilettura della tradizione popolare diventeranno i temi chiave dei successivi lavori: Donna Ginevra (2009, che vince la Targa Tenco come miglior interpretazione) e Canti, richiami d’amore (2011). La terza Targa Tenco arriva nel 2017 per La Rubia Canta La Negra, omaggio alla cantante argentina Mercedes Sosa. Recente è poi Ginevra Di Marco e Cristina Donà, disco che congiunge due delle voci più carismatiche e influenti della musica italiana.

Ginevra Di Marco vanta inoltre collaborazioni che travalicano i confini musicali: con l’astrofisica Margherita Hack e con lo scrittore Luis Sepúlveda.

1° Edizione
18 luglio – 22 agosto 2020
Repubblica di San Marino

Concerti di mercoledì 5 agosto

Città di San Marino, ​Cava dei Balestrieri, ore 21.15
GINEVRA DI MARCO
“Quello che conta”
Ginevra Di Marco (voce),
Francesco Magnelli (pianoforte, magnellophoni), Andrea Salvadori (chitarre, tzouras, loop)

CONCERTO “A BASSA DENSITÀ”
ore 18.30, Piazza Garibaldi
Welcome to the Django
Paolo Sorci, Carlo Chiarenza (chitarra),
Roberto Gazzani (contrabbasso), Umberto Gnassi (clarinetto)

JAM SESSION
Città di San Marino, ​ Treesessanta Libroteca, ore 23.30
a cura di Rimini Jazz Club

Informazioni:
Ufficio del Turismo della Repubblica di San Marino:
tel.: 0549 882914
e-mail: info@visitsanmarino.com
www.visitsanmarino.com
www.acejazzfestivalsanmarino.com

Biglietti e prevendite:
Ginevra Di Marco: posto unico 8 euro + diritti di prevendita
prevendite su www.acejazzfestivalsanmarino.com e www.ciaotickets.com

Concerto “A bassa densità”: gratuito
Jam session: gratuita

Direzione artistica: Sara Jane Ghiotti

Ufficio Stampa Ace Jazz Festival San Marino: Daniele Cecchini

(foto di Maurizio Cattaneo)