“Gigetto”, in assemblea si parla del nodo di via Panni

5

Martedì 13 luglio alle 20.45 appuntamento presso il tendone del Parco Amendola. Fino a venerdì 16 luglio è ancora possibile partecipare alla consultazione cittadina del Comune

MODENA – Si parlerà delle soluzioni allo studio proposte da Fer per superare l’interferenza di “Gigetto”, la linea ferroviaria Modena-Sassuolo, all’assemblea pubblica in programma martedì 13 luglio alle 20.45 presso il tendone del Parco Amendola di via Panni, a Modena. E, sul tema, fino a venerdì 16 luglio è ancora possibile partecipare alla consultazione cittadina online aperta dal Comune.

All’appuntamento in presenza, organizzato dal Comune di Modena in accordo con il Quartiere 3 Buon Pastore, Sant’Agnese, San Damaso, parteciperanno il sindaco di Modena Gian Carlo Muzzarelli, l’assessora ai Quartieri e partecipazione Anna Maria Lucà Morandi, la presidente del Quartiere 3 Maria Teresa Rubbiani e altri assessori della Giunta. L’assemblea, che si svolgerà nel pieno rispetto delle disposizioni anti-Covid, sarà anche l’occasione per confrontarsi sugli approfondimenti in corso sul possibile riassetto della viabilità del quadrante, tenendo conto delle modifiche che il carico veicolare su via Panni potrà subire con l’intervento e degli effetti delle scelte dell’Amministrazione di non proseguire con le espansioni inizialmente previste nell’area dal Piano regolatore vigente.

Finora i cittadini che hanno almeno dato un’occhiata al questionario della consultazione cittadina del Comune sul superamento del passaggio a livello di via Panni sono stati 872, di cui due su tre (580, pari al 66,5 per cento) non si sono limitati a leggere i contenuti del sito internet ma hanno completato la compilazione inserendo i propri dati. Chi fosse interessato a esprimere il proprio parere prima della chiusura del sondaggio può compilare il questionario sul sito istituzionale (www.comune.modena.it/argomenti/che-ne-pensi) nella sezione “Che ne pensi”, lo strumento digitale dell’Ente per informare e raccogliere le opinioni dei cittadini e stimolarne il coinvolgimento e la partecipazione.

Con il nuovo Sistema di Controllo Marcia Treno, volto ad aumentare la sicurezza della circolazione dei treni, a causa dell’estensione della catena di controlli sugli attraversamenti e dell’eventuale adeguamento dei punti di segnalamento, si potrà verificare infatti un ulteriore allungamento dei tempi di chiusura dei passaggi a livello rispetto alle criticità che già si registrano. Per questo, Regione e Fer hanno definito un programma di interventi sulla linea ferroviaria Modena-Sassuolo volti al superamento degli impatti e delle principali interferenze, in particolare in ambito cittadino e, con il Comune, Fer ha siglato un protocollo d’intesa per la realizzazione di interventi infrastrutturali in corso di approfondimento.

Su via Panni, in particolare, dove potrà essere istituita una fermata, sono al vaglio due soluzioni: una prima che prevede di abbassare l’asse stradale in modo da realizzare un sottopasso, che si scosterebbe leggermente rispetto all’attuale percorso lambendo una piccola porzione del parcheggio antistante il parco Amendola; una seconda che immagina l’elevazione della linea ferroviaria con la realizzazione di un breve tratto di ‘viadotto’, mantenendo l’attuale quota stradale.

Su strada Morane, l’altro punto di grande interferenza della linea di Gigetto con la viabilità cittadina, il superamento del passaggio a livello è invece previsto con un sottopasso carrabile e ciclopedonale che collega trasversalmente strada Morane con via Gobetti, nell’ambito di una riorganizzazione complessiva della linea ferroviaria Modena-Sassuolo in cui la Stazione Piccola, già ridimensionata a fermata, e l’area ferroviaria dismessa diventano oggetto di un intervento di riqualificazione, valorizzazione e rigenerazione dell’intero comparto.

Sulla base delle verifiche dell’impatto del nuovo Sistema di Controllo Marcia Treno e delle prime soluzioni infrastrutturali adottate, si valuteranno l’effettiva necessità e le modalità per intervenire in altri nodi.