Giardini d’Estate: due serate con la coppia Rezza-Mastrella

6
Giardini d’estate, “7 14 21 28” con Rezza e Mastrella

Venerdì 16 e sabato 17 luglio, alle 21, in scena con lo spettacolo “7 14 21 28”. E domenica 18, incontro con Bagarotti, Franchini e la rivoluzione della chitarra elettrica

MODENA – Il doppio appuntamento con lo spettacolo “7 14 21 28” di Antonio Rezza e Flavia Mastrella, venerdì 16 e sabato 17 luglio, apre il nuovo fine settimana della rassegna “I giardini d’estate” che, domenica 18 luglio, propone “My generation. Cambiare il mondo con la musica”, conversazione tra Eleonora Bagarotti e Roberto Franchini sulla rivoluzione portata dalla chitarra elettrica.

Coppia artistica ineguagliabile del panorama teatrale contemporaneo, Antonio Rezza e Flavia Mastrella, ovvero “RezzaMastrella”, calcano le scene dal 1987 e insieme hanno ideato e firmato spettacoli divertenti e terribili, anarchici e surreali, aggiudicandosi, nel 2018, il Leone d’oro alla carriera per il teatro. “7 14 21 28”, in scena alle 21, è una fiaba allucinata che, in un paese allo sbando, vede protagonista un uomo affascinato dallo spazio che diventa numero. Lo spettacolo, a cura di Emilia Romagna Teatro Fondazione, è a pagamento (il biglietto costa 7 euro).

Domenica 18 luglio, sempre alle 21, in “My generation”, Eleonora Bagarotti, autrice di numerosi libri dedicati alla musica, e lo scrittore e giornalista Roberto Franchini analizzano i cambiamenti che l’avvento della chitarra elettrica ha portato non solo nella musica ma anche nel modo di vivere. L’incontro, a ingresso libero, rientra nell’Ambito di “Rivoluzioni, presone, luoghi ed eventi del ‘900 tra crisi e trasformazioni”, il progetto che racconta le grandi svolte che hanno caratterizzato il secolo scorso e plasmato il nostro presente, confrontando la dimensione globale con la storia di Modena e del suo territorio. In questa cornice, “Oggetti rivoluzionari” indaga le trasformazioni che oggetti innovativi, come la chitarra elettrica appunto, portano nel quotidiano. Il progetto è ideato dall’Istituto storico di Modena e dal Centro documentazione donna, con la collaborazione scientifica della Fondazione Collegio San Carlo, con il sostegno del Comitato per la storia e la memoria del Novecento del Comune di Modena e della Fondazione di Modena.

Tutti gli spettacoli, anche quelli a ingresso gratuito sono su prenotazione. Ci si può prenotare via mail (biglietteria@emiliaromagnateatro.com), presso la biglietteria del teatro Storchi (059 2136021) da martedì a venerdì dalle 10 alle 14; il sabato dalle 10 alle 14 e dalle 16.30 alle 19, direttamente ai Giardini, la sera stessa, a partire da un’ora prima dell’inizio dello spettacolo.

La rassegna “I Giardini d’estate” è promossa dal Comune di Modena nell’ambito dell’Estate modenese 2021, e affidata per il secondo anno consecutivo a Emilia Romagna Teatro Fondazione; la rassegna è realizzata in collaborazione con il Teatro Comunale Luciano Pavarotti, con il sostegno di Fondazione di Modena e del Gruppo Hera, e con il patrocinio della Regione Emilia-Romagna.

Il programma completo è scaricabile dal sito del Comune: www.comune.modena.it/estate2021.