Garage Ferrari, ok a CambiaMo spa e Aci per la sosta

28

Il Consiglio ha approvato la delibera per la gestione dell’edificio di via Trento Trieste con l’indicazione di affidare all’Automobil Club l’attività del parcheggio

Municipio-Comune-ModenaMODENA – Via libera del Consiglio comunale di Modena all’affidamento in concessione alla società di trasformazione urbana CambiaMo spa della gestione dell’edificio di via Trento Trieste che ospita il Garage Ferrari per il quale, inoltre, si prevede un impegno diretto dell’Aci, la sezione modenese dell’Automobil Club Italia, ente pubblico non economico ritenuto il più idoneo a garantire la conduzione dell’attività relativa alla sosta. La nuova concessione patrimoniale inizia il 28 febbraio (per i prossimi due mesi si proroga l’attuale gestione da parte di BA service srl) ed entro il 19 dicembre 2022 CambiaMo spa dovrà predisporre il programma di valorizzazione e riqualificazione urbana dell’immobile in coerenza con gli obiettivi indicati dal Piano urbano della mobilità sostenibile e garantendo la continuità della fruizione del parcheggio pubblico, con 380 posti auto.

Il provvedimento relativo alle linee d’indirizzo per l’affidamento in concessione, illustrato dall’assessora all’Urbanistica Anna Maria Vandelli e da quella al Patrimonio Anna Maria Lucà, è stato approvato con il voto della maggioranza (Pd, Sinistra per Modena, Verdi e Modena civica) il voto contrario del Movimento 5 Stelle e l’astensione di Lega Modena, Forza Italia e Fratelli d’Italia – Popolo della famiglia.

Tra i compiti di CambiaMo spa c’è anche l’adeguamento dei contratti di locazione in essere di attività commerciali con la loro trasformazione, alla scadenza, in contratti di concessione patrimoniale. Qualora le entrate siano superiori ai costi della gestione, la metà dell’utile gestionale dovrà essere versata al Comune. In questa fase, comunque, gli importi delle tariffe di sosta del parcheggio e degli abbonamenti non potranno superare quelli attualmente in vigore. La revisione del sistema tariffario entrerà a far parte del programma di valorizzazione e riqualificazione.

L’individuazione di CambiaMo spa è avvenuta sulla base del provvedimento assunto dalla giunta nelle scorse settimane che per la gestione dell’edificio aveva deciso di individuare il concessionario “tra gli organismi partecipati dal Comune le cui finalità statutarie siano le più aderenti a realizzare l’intervento di riqualificazione dell’immobile” con l’obiettivo di migliorarne la dotazione a uso pubblico in termini qualitativi e di elevarne le prestazioni edilizie, “con particolare riguardo a quelle riferite all’efficientamento energetico”.

L’obiettivo, pur con la possibilità di sub concessioni per attività specifiche, è una gestione unitaria del complesso mirata alla riqualificazione e a una sostenibilità economica e finanziaria della gestione complessiva, compresa l’attività di parcheggio pubblico a servizio della sosta in un’area della città prossima al centro storico.

Proprio quello è stato considerato uno dei principali elementi di “interesse pubblico” che ha consentito di mantenere l’integrità dell’immobile entrato a far parte gratuitamente del patrimonio comunale nel corso del 2018 dopo che la proprietà (la società B.A. Service) non aveva ottemperato agli obblighi scaturiti dalle sentenze del Tar e del Consiglio di Stato, al termine di un complesso iter giudiziario durato una trentina d’anni che ha portato all’annullamento del titolo edilizio.