Fondazione Isal – Cento Città contro il Dolore

4
raffaeli

Sabato 25 e domenica 26 settembre a Rimini e a Santarcangelo di Romagna i banchetti per sensibilizzare ed informare sul dolore cronico

RIMINI – Saranno Rimini e Santarcangelo di Romagna le due città della provincia di Rimini ad ospitare “Cento Città contro il dolore”, l’iniziativa della Fondazione ISAL volta a sensibilizzare e informare i cittadini sul tema del dolore cronico.

Giunta alla sua XIII edizione la giornata quest’anno si intitola “LA CURA DEL DOLORE A KMØ. UNA RETE DI QUALITÀ TRA PRESENZA E DIGITALE”.

L’edizione 2021 di “Cento Città contro il Dolore” sarà dedicata alla riflessione sulla Rete nazionale di terapia del dolore e sulla necessità di una sua penetrazione nel tessuto sociale con una forte accelerazione sull’umanizzazione delle cure e l’innovazione tecnologica che garantisca alla cronicità dolorosa un’assistenza di prossimità anche con una nuova visione di sanità green con sviluppo di E-health telematica.

Grazie alla rete Isal la giornata sarà presente in tutta Italia ma il fulcro sarà in Romagna, a Rimini e Santarcangelo di Romagna, dove si potranno trovare due postazioni curate dai volontari.

A Rimini il banchetto sarà ospitato sabato (dalle 12 alle 23) e domenica (dalle 11 alle 20) a Wanderlust, il creative market che si svolge a “Porta Galliana” parco del centro storico di Rimini.

Mentre a Santarcangelo in occasione della Fiera di San Michele, sarà la Pro Loco ad ospitare vicino ai portici (via Cesare Battisti) il banchetto di Isal. A tutti coloro che vorranno lasciare una donazione verrà dato in omaggio un kit per la sanificazione delle mani.

“Questa iniziativa è nata a Rimini nel 2009 – ha dichiarato William Raffaeli, presidente Fondazione ISAL-  “Dopo anni di presentazioni delle dodici giornate alla Biblioteca del Senato in presenza del nostro Presidente Onorario, il senatore Sergio Zavoli, per la tredicesima giornata siamo tornati in Romagna, a Santarcangelo e a Rimini, dove la Fondazione ha la sua sede. Si tratta di una giornata collettiva che rispecchia la partecipazione di tante persone, volontari e medici che si occupano di trasmettere questo messaggio di speranza. In ogni città della rete c’è un luogo di cura dedicato: ascoltare le persone con dolore è il primo passo per avventurarci nella buona cura”.

La Giornata Cento città contro il dolore dal 2016 che ha ricevuto nel 2020 la Medaglia del Presidente della Repubblica come riconoscimento del valore pubblico dell’iniziativa, ha il patrocinio, tra gli altri, Senato della Repubblica, del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali e della Camera dei Deputati, oltre a quello della Conferenza Regioni e Province Autonome, di ANCI e Federsanità e l’Istituto Superiore della Sanità. In questi anni la Fondazione ha avuto inoltre testimonial come Alex Zanardi, Teresa De Sio, Gabriele Cirilli, Franz Di Cioccio, Michele Pittacolo, Fabio De Luigi.

Dalla prima edizione a oggi il numero delle realtà che partecipano a Cento città contro il dolore è enormemente cresciuto costituendo una rete di solidarietà e di alleanza che testimonia la volontà e la necessità di far fronte a una problematica così diffusa.

Cento città contro il dolore ha anche una sua versione on line grazie alla campagna #zeropain21 con cui si invitano le persone alla testimonianza e alla raccolta fondi: tutte le donazioni fatte attraverso i canali ufficiali sono destinate a finanziare i progetti di ricerca promossi dalla Fondazione.