Categorie: EventiFerrara

Finanziata una ricerca innovativa Unife sulla fibrosi cistica

FERRARA – Un importante progetto di ricerca innovativo sulla fibrosi cistica coordinato da Roberto Gambari, Professore ordinario del Dipartimento di Scienze della Vita e Biotecnologie dell’Università di Ferrara, ha ricevuto un finanziamento dal Comitato Scientifico della Fondazione Ricerca Fibrosi Cistica (FFC).

Il Comitato, riunitosi il 15 e 16 luglio per l’esame finale dei progetti di ricerca da finanziare per l’anno 2016, ha deciso di sovvenzionare ventidue progetti tra le sessantasei domande di finanziamento pervenute.
Il progetto Unife “Strategie terapeutiche in fibrosi cistica basate su microRNA in grado di modulare CFTR e infiammazione”, vede tra i co-proponenti Roberto Corradini dell’Università di Parma, Giulio Cabrini e Maria Cristina Dechecchi dell’Ospedale di Verona.

“La fibrosi cistica (FC) – spiega Roberto Gambari – è sostanzialmente causata dai difetti della proteina CFTR, che porta alla distruzione progressiva del polmone nei pazienti, attraverso un circolo vizioso costituito da aumentata viscosità e ristagno del muco nelle vie aeree, infezione batterica ed eccessiva infiammazione. Per interrompere questo circolo è necessario agire contemporaneamente a diversi livelli, ad esempio con molecole che migliorino la funzione della proteina CFTR, con antibiotici per combattere l’infezione batterica e con farmaci in grado di contenere l’eccesso di infiammazione”.

“Il nostro progetto di ricerca – prosegue Gambari – si basa sull’identificazione e caratterizzazione di alcune molecole, i microRNA appunto, che regolano il processo di infiammazione e l’espressione della proteina CFTR. Ovviamente la ricerca ha come obiettivo anche quello di intervenire sui microRNA allo scopo di sviluppare possibili strategie terapeutiche”.

“Siamo molto soddisfatti di questo finanziamento – commenta Enrica Fabbri, borsista FFC Unife del progetto finanziato – anche perché valorizza alcuni risultati che ho condotto in prima persona e che dimostrano come i microRNA regolino il processo di infiammazione indotto da un batterio (P.aeruginosa) in cellule FC”.

“Desidero ringraziare – conclude Gambari – non solo la Fondazione per la Ricerca sulla Fibrosi Cistica, ma anche le delegazioni FFC di Ferrara e di Bologna che ci hanno molto aiutato in questi anni e senza le quali buona parte della nostra ricerca sulla fibrosi cistica non si sarebbe potuta concretizzare con successo”.

 

Articoli recenti

Lo spettacolo del DTM da venerdì 24 agosto a Misano World Circuit

In pista le superstar del campionato che mancava da otto anni in Italia: Alex Zanardi dopo tre anni torna in…

1 giorno passati

Dalla Regione contributi per l’acquisto dei libri di testo degli studenti delle scuole secondarie

Per richiederli occorre avere un Isee fino a 15.748,78 euro. Presentazione delle domande dal 3 settembre CESENA - Anche gli…

1 giorno passati

Troppe fake news sull’Europa, a Modena mostra e quiz

Nei tre giorni del Festivalfilosofia sulla Verità, tra il 14 e il 16 settembre, nella Galleria di piazza Grande un…

1 giorno passati

Pettirosso: oltre mille animali recuperati nel 2017

Tra loro anche un drago barbuto, un’iguana e cinque cuccioli di volpe scambiati per cagnolini. Al Centro fauna selvatica 3000…

1 giorno passati

I Giardini della Paura, domani ultimo appuntamento

Mercoledì 22 agosto termina la rassegna con una doppia proiezione: “Lake Bodom” e “The Bride” PARMA -  Mercoledì 22 agosto…

1 giorno passati

Mercoledì 22 agosto al Cere il raduno della Grissin Bon

Alle 18.30 conferenza riservata alla stampa, dalle 19.30 Open Day per tutti i tifosi REGGIO EMILIA - Si terrà mercoledì…

1 giorno passati

L'Opinionista © 2008 - 2018 - Emilia Romagna News 24 supplemento a L'Opinionista Giornale Online
reg. tribunale Pescara n.08/2008 - iscrizione al ROC n°17982 - P.iva 01873660680
Contatti - RSS - Archivio news - Privacy Policy - Cookie Policy

SOCIAL: Facebook - Twitter - Google Plus - Pinterest

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice