Estate sicura a Cattolica, tornano gli Street Tutor per le strade della Regina

0

Saranno operativi a partire dal 5 luglio, in occasione della Notte Rosa

comune-di-cattolica-stemmaCATTOLICA (RN) – I gilet gialli sono pronti a tornare sulle strade di Cattolica. Sono gli Street Tutor, i cosiddetti mediatori di convivenza civile, una squadra di uomini e donne formati ad hoc, incaricati di sorvegliare i luoghi della movida e di monitorare ed intervenire in caso di eventuali situazioni critiche. Gli Street Tutor scenderanno in strada dal 5 luglio in poi, in occasione della Notte Rosa. Nel corso delle manifestazioni di più ampio richiamo, come per la Notte Rosa, saranno in quattro a girare per la città, sempre riconoscibili con i loro gilet gialli e scritta “Street Tutor”. Gli altri giorni lavoreranno in due. Il servizio sarà intensificato e resterà operativo fino al termine di agosto. La loro attività è di supporto alle forze dell’ordine, con richiesta del loro intervento in caso di situazioni più critiche.
“Tornano quindi gli Street Tutor, uno dei tasselli del nostro piano di sicurezza su Cattolica – spiega l’Assessora alla polizia municipale Claudia Gabellini –. Rientrano nell’ambito di un progetto finanziato dalla Regione Emilia-Romagna che, oltre a Street Tutor ed educatori di strada, mette l’accento anche sulla riqualificazione degli spazi di aggregazioni su cui l’Amministrazione sta lavorando. Per noi la sicurezza è fondamentale, stiamo facendo una grande opera di rafforzamento della città. Il progetto è pensato per restituire alla collettività, a cattolichini ed ai turisti, importanti aree di Cattolica rendendole fruibili e maggiormente vivibili. È pensato in un’ottica di sicurezza urbana integrata, che associa il controllo delle forze dell’ordine di mediatori alla videosorveglianza ma anche alla riqualificazione urbana ed alla prevenzione attraverso un’educativa giovanile. Questo approccio di progettazione integrata ha ottenuto l’apprezzamento da parte della Regione Emilia Romagna, ciò lo dimostra il contributo elargito”.