Erba Vita New Rimini a Modena vince una gara con la capolista

9

Alessandro-Di-Giacomo

RIMINI – Erba Vita New Rimini coglie una vittoria a Modena e davanti alla capolista del girone conferma di meritarsi la permanenza in serie A. 5-4 e 5-10 i finali, coi riminesi davvero splendidi in gara1, tiratissima e chiusa sul vantaggio minimo. In gara2 ottima prestazione fino al quinto inning, ma con Erba Vita sopra 5 a 2 il monte di lancio riminese è entrato come in un tunnel e Modena s’è trovata in vantaggio 10 a 5.

Gara 1

Il partente riminese è Alessandro Di Giacomo, autore di un’altra prestazione solida: in sei inning 2 valide, 3 basi ball e 6 strike out con 95 lanci.

Erba Vita scuote la gara al secondo inning: Modena che ci mette molto di suo con qualche errore di troppo e intorno ad una valida di Giulio Cianci Rimini segna tre punti. I padroni di casa rispondono con un punto e poi fino al quinto inning la partita resta bloccata, anche se Erba Vita lascia uomini in base ad ogni ripresa.

Al quinto un triplo di Paciello porta al punto di Modena su scelta difesa, ma al sesto Rimini segna ancora: singolo di Romano Pini (2 su 4 e 1 RBI per lui), bunt di Cifalinò, e poi su Gabrielli c’è eliminazione in prima, ma l’assistenza sbagliata in terza consente a Pini di segnare. Al settimo Francesco Ridolfi rileva Di Giacomo, Modena si scuote e in due riprese riesce a rimettere la partita in equilibrio sul 4 a 4. Al nono Erba Vita mette però di nuovo la testa avanti: singoli di Andrea Gabrielli ed Enrico Cianci, il bunt di Baccelli viene punito con un doppio gioco agli angoli, base intenzionale a Bertagnon e poi valida di Davide Ruggeri che porta a casa Cianci. Mike Romano chiama Tommaso Aiello sul monte che festeggia i 20 anni appena compiuti bloccando le mazze modenesi e la gara finisce 5 a 4 per Erba Vita New Rimini.

Gara 2

Per Erba Vita New Rimini parte Giancluca Tognacci, mentre sul monte di Modena non c’è Angel Calero, ma l’eterno Cipriano Ventura (53 anni). Per due inning non succede nulla con entrambe le squadre che lasciano tre uomini in base. Al terzo Rimini la sblocca con due punti, ma Modena riequilibra subito la gara. Erba Vita non si ferma e al quarto segna tre punti coi singoli di Enrico Cianci, Enrico Perazzini e Andrea Gabrielli. È 5-2.

La parte bassa del quinto è un mezzo incubo. Con due out e Martone in seconda, Gianluca Tognacci e poi l’esordiente rilievo Giovanni Cortesi non riescono a trovare efficacia nei lanci e gli emiliani segnano quattro punti. Mike Romano richiama Tommaso Aiello che aveva lanciato l’ultimo inning in gara1, ma anche lui fatica ad ingranare ed entrano altri quattro punti. Da 5-2 si passa a 5-10 e con solo 4 valide contro le 10 riminesi gli emiliani sigillano la gara. Sul monte di Modena sale Angel Calero, su quello di Rimini anche Ridolfi ritorna in pedana dopo esserci stato in gara1, ma la partita è ormai indirizzata e l’unica emozione è l’uscita dal campo di Juan Carlos Infante che con la gara di ieri sera lascia il baseball giocato dopo una lunga e vincente carriera.

Domenica prossima Erba Vita New Rimini chiuderà il suo primo anno di serie A sul diamante di Sala Baganza. Gare alle 11.00 e alle 15.30