Emilia-Romagna Tennis Cup ATP Challenger 125: qualificazioni, avanzano Cecchinato, Weis e Bonadio

11

Eliminati tutti gli altri azzurri: l’idolo di casa Bondioli out dopo una “maratona” di quasi tre ore. I big in campo domani: Fognini nel match serale contro il francese Janvier

Fognini – allenamento – Credits Foto YF Studio

SASSUOLO (MO) – Va in archivio la prima giornata di qualificazioni della terza “Emilia-Romagna Tennis Cup”, torneo ATP Challenger 125 organizzato da Master Group Sport in collaborazione con la Regione Emilia Romagna ai campi dello Sporting Club di Sassuolo.

Tra i match più combattuti quello dell’enfant du pays, il 19enne Federico Bondioli, arrivato ad un passo dal sogno ma finito sconfitto dopo quasi tre ore di battaglia dall’esperto tennista friulano Riccardo Bonadio. Il punteggio finale (76 36 64) rende solo in parte l’idea dell’equilibrio e dell’intensità del match tra i due tennisti italiani in un derby giocato a tratti anche in modo spettacolare con smorzate e passanti da una parte e dall’altra. Davanti agli occhi del Presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini, presente sugli spalti insieme al Sindaco di Sassuolo Matteo Mesini e al Presidente dello Sporting Club, sostenuto dal tifo del pubblico (Bondioli è tesserato e si allena sui campi dello Sporting), il giovane mancino ravennate ha saputo recuperare dal 2-5 forzando il primo set al tie break vinto da Bonadio con esperienza e nervi saldi. Nel secondo set la riscossa con la vittoria per 6-3 di Bondioli che poi ha saputo strappare il servizio all’avversario ad inizio terzo set. Nel momento più difficile Bonadio ha tirato fuori le energie per resistere ai tentativi di fuga nel punteggio di Bondioli chiudendo il match con un meritato 6-3 nel terzo set.

«È stata una partita molto dura a livello fisico con scambi lunghi e con la sua prima palla di servizio che mi ha impegnato molto – commenta Bonadio a fine match – Credo di averla vinta con il fisico e l’esperienza. All’inizio lui forse era un po’ teso e ne ho approfittato per allungare nel punteggio, nel secondo lui mi ha concesso davvero poco e si è alzato il livello del match, nel terzo è stata una battaglia soprattutto fisica. Adesso il mio obiettivo è ricaricare le pile in vista del secondo match».

Ha regalato spettacolo sul campo centrale anche Marco Cecchinato che con un autorevole 63 63 ha avuto meglio del solido croato Nino Serdarusic conquistando l’accesso al secondo e decisivo turno delle qualificazioni dove ad attenderlo troverà domani lo spagnolo Jorda Sanchis (vincente su Carlo Alberto Caniato per 62 61). «Oggi è stata una bella partita – commenta il semifinalista del Roland Garros 2018 –

Questo è un torneo che sento tanto e a cui sono particolarmente legato, qui a Sassuolo gioco la serie A e ci sono tante persone che mi vogliono bene».

In ambito italiano, è andata meno bene a Raul Brancaccio che, nel match d’esordio sul campo centrale, ha dovuto cedere il passo (16 36) al ritrovato Martin Klizan. Lo slovacco ex numero 24 al mondo sta gradualmente riacquistando la forma e il ritmo partita a distanza di qualche mese dal suo ritorno in campo.

«Amo giocare in Italia – commenta lo slovacco – Sto cercando di tornare al livello Challenger dopo aver giocato qualche torneo Futures. Spero qui a Sassuolo di fare più punti possibili per continuare a risalire posizioni in classifica». Sulla strada di Klizan c’è il croato Luka Mikrut che ha eliminato, non senza faticare, l’italiano Luca Castagnola (62 76).

Nell’altro derby italiano di giornata Alexander Weis (testa di serie numero 4 delle qualificazioni) ha superato Gabriele Piraino con un doppio 6-2. «Sono partito molto bene, qui a Sassuolo mi sono sentito subito in confidenza già dagli allenamenti del sabato. Le condizioni mi piacciono, oggi è stata una buona partita ma sono già proiettato al match di domani», le parole del tennista altoatesino.

Niente da fare per Gianluca Cadenasso contro la testa di serie numero 1 delle qualificazioni Valentin Royer (64 64 per il francese), per Luca Giacomini superato dall’argentino Agustin Gomez (63 63) e per Alessandro Giannessi sconfitto 76 62 sul campo centrale dallo statunitense Ryan Seggerman. Sconfitta bruciante per Samuele Pieri (06 63 67) contro l’esperto argentino Guido Andreozzi e per Federico Gaio che deve chinarsi davanti all’australiano Blake Ellis (76 63). Australia che manda al secondo turno anche Blake Mott vincitore di un match tiratissimo contro il russo Alexey Vatutin battuto 46 76 64.

IL PROGRAMMA DEL LUNEDÌ – A partire da domani prenderà il via il tabellone principale con la presenza di ben cinque top 100. Tanta l’attesa per il debutto di Fabio Fognini contro il francese Maxime Janvier che chiuderà il programma sul campo centrale nel match serale (ore 20) dopo gli esordi di Borna Coric contro l’argentino Ficovich e della testa di serie numero 1 Federico Coria opposto all’italiano Francesco Maestrelli. Tra gli altri match del main draw in programma da segnare quello di Andrea Pellegrino opposto allo statunitense Tristan. Si concluderà inoltre il tabellone di qualificazione con, tra gli altri, Marco Cecchinato in campo contro lo spagnolo Jorda Sanchis e Alexander Weis opposto a Blake Mott.

Biglietti in vendita sul circuito Vivaticket. L’acquisto di un unico biglietto giornaliero dà diritto ad assistere all’intero programma, compreso il turno serale.