Emergenza Coronavirus, edilizia e urbanistica

21

municipio-ferraraMaggi: “Ripreso il filo diretto con Ordini e Collegi professionali per condividere gli impegni futuri per la città”

FERRARA – Nella mattinata di lunedì 27 aprile 2020 l’assessore comunale ai Lavori Pubblici, Urbanistica, Edilizia, Rigenerazione Urbana Andrea Maggi ha incontrato in videoconferenza, assieme al Direttore generale del Comune di Ferrara Sandro Mazzatorta e al dirigente del Settore Governo del Territorio Fabrizio Magnani, i rappresentanti degli Ordini e dei Collegi professionali di Ferrara.

“Ho convocato questa riunione – spiega l’assessore Maggi – per riprendere la serie di incontri, sui temi legati all’edilizia e all’urbanistica, che avevamo fissato già all’indomani del mio insediamento e che abbiamo dovuto interrompere per questa emergenza. Incontri che ritengo essenziali per mantenere un filo diretto e condiviso con quelli che sono i nostri principali interlocutori in questi settori, in ambito locale”.

Nello specifico, sono state presentate le linee principali che stanno guidando l’Amministrazione comunale nella delicata fase di riorganizzazione degli uffici, un’operazione complessa che renderà più semplice contattare direttamente i servizi comunali, anche tramite un sistema di gestione digitale degli appuntamenti. In questo modo sarà possibile eliminare code e tempi di attesa.

“Altro step importante riguarda l’avvio, ormai inderogabile, di un processo di digitalizzazione delle pratiche edilizie e del relativo archivio – sottolinea Maggi -. Ringrazio il Direttore generale e il Dirigente di settore che stanno già valutando come iniziare questo processo, per il quale sicuramente occorreranno risorse e tempo e che intendiamo far partire il prima possibile. Ringrazio in particolare gli Ordini per il loro prezioso contributo di idee e di proposte, per aver condiviso il nostro orientamento e per averci offerto, in un’ottica di sussidarietà, anche il loro contributo fattivo.

Sono convinto che il rapporto costante con il mondo delle professioni non può che essere proficuo per entrambe le parti. Per questo intendiamo farvi affidamento anche per il PUG, il Piano Urbanistico Generale, che siamo chiamati a scrivere: uno strumento urbanistico che imposterà le linee strategiche fondamentali e lo sviluppo urbano per le grandi e piccole trasformazioni del nostro comune. Lo faremo con un processo di partecipazione attiva, non solo con il mondo delle professioni, ma con la città intera”.