Eletti 5 presidenti delle Commissioni consiliari di Modena

26

Sono Cirelli, Forghieri, Stella, Fasano e Silingardi alla Controllo e garanzia, con Franchini vice. Tutti hanno ottenuto il consenso di tutti gli altri consiglieri

MODENA – Tre presidenti sono del Pd e uno di Sinistra per Modena, mentre la presidenza della commissione Controllo e garanzia, che spetta alle minoranze, è stata attribuita all’esponente del Movimento 5 Stelle Giovanni Silingardi. Tutti sono stati eletti all’unanimità con la sola astensione degli interessati.

È il risultato della giornata dedicata all’insediamento delle commissioni consiliari del Comune di Modena che il presidente del Consiglio comunale Fabio Poggi ha convocato tutte per giovedì 27 giugno con l’obiettivo di eleggere i presidenti e avviare la piena operatività degli organismi che svolgono l’attività preparatoria, istruttoria e redigente su atti, provvedimenti, indirizzi e orientamenti da sottoporre alla decisione del Consiglio.

Alla commissione Affari istituzionali è stato eletto l’esponente del Pd Alberto Cirelli, già presidente del Quartiere 4; la commissione Risorse finanziarie, umane, strumentali e Affari generali è stata affidata a Marco Forghieri, consigliere del Pd, impegnato anche negli ultimi cinque anni nella stessa commissione; alla presidenza della cosiddetta “Seta”, che si occupa di Programmazione e assetto del territorio, sviluppo economico e tutela ambientale, è stato eletto Vincenzo Walter Stella, vice capogruppo di Sinistra per Modena e consigliere comunale anche negli ultimi cinque anni; alla commissione Servizi culturali, sociali, educativi, sport e tempo libero è stato confermato Tomaso Fasano, l’esponente del Pd che l’ha presieduta anche nella scorsa consiliatura.

Il presidente della commissione Controllo e garanzia Giovanni Silingardi è stato eletto con il voto di tutte le forze di minoranza: Lega, M5s, Forza Italia e Fratelli d’Italia-Popolo della famiglia. Vice presidente, con il voto di tutte le forze di maggioranza, è stata eletta Ilaria Franchini del gruppo Pd.

Ciascuna commissione, che dura in carica cinque anni come il Consiglio comunale, è composta da venti membri, otto del Pd, quattro di Lega Modena, due del Movimento 5 stelle, due di Sinistra per Modena, e uno a testa per Modena solidale, Verdi, Forza Italia, Fratelli d’Italia-Popolo della famiglia. Al loro interno ogni gruppo dispone di tanti voti quanti sono i componenti del gruppo in Aula e in caso di assenza o impedimento, ogni membro designato potrà delegare un altro consigliere del proprio gruppo alla sua sostituzione.