Edipo a Colono il 21 maggio al Teatro Testori di Forlì

15
Edipo a Colono – Stefano Brasch

FORLÌ – Teatro Giovanni Testori chiude la densa stagione di prosa 2023/2024 con un classico del teatro, Edipo a Colono, in un nuovo allestimento che tenta di ricucire il nostro tempo con un mito ancora contemporaneo.

Edipo a Colono è una produzione Elsinor firmata dal regista, drammaturgo e attore Gianluigi Gherzi. In scena  insieme allo stesso regista, autore anche dell’adattamento, Stefano Braschi e Maria Laura Palmeri.

Da una città sotto attacco colpita dalla peste e dominata da atti di arroganza e crudeltà fugge Edipo. Ricucire il tempo tra quella storia e il nostro presente, interrogando il mito e restituendo al teatro la sua natura di luogo, di piazza, di agorà delle grandi storie e dei pensieri condivisi, è il compito che avranno i tre interpreti entrando e uscendo dalle figure di Edipo, di Antigone e dell’Oracolo.
In questo nuovo allestimento prendono forma i personaggi che abitano le due immortali opere di Sofocle – Edipo Re e Edipo a Colono –  da cui emerge, in particolare, la figura di un Edipo ormai vecchio e cieco, incapace di vedere la realtà esteriore ma in grado di raggiungere la complessità di una visione profonda. Un Edipo che vaga per il mondo, accompagnato dalla figlia Antigone, che già dentro di sé cova quella fame di giustizia che la renderà famosa. C’è l’incontro con un posto mitico e favoloso, Colono, patria di Sofocle, luogo sacro ad Atene e alla nascente democrazia ateniese.
A quel luogo Edipo dedica le sue ultime energie, porta in dono la comprensione profonda di quello che manda il mondo fuori asse. C’è un nuovo mondo che aspetta, che è quello della terra profonda, in cui Edipo si scioglie, morendo e nello stesso tempo rigenerandosi.

Un mito straordinario, che narra gli elementi di cui è fatta la cultura dell’uomo contemporaneo, lucidamente ne vede gli errori, i passi falsi, le trappole.

Lallestimento

Lo spettacolo mette in scena un corpo a corpo appassionato, radicale, estremo con il capolavoro di Sofocle, con gli squarci di straordinarietà contemporaneità presenti nella storia. Gli attori recitano, s’interrogano, scavano nei nessi che fanno arrivare la parola di Sofocle, così necessaria, a noi e al nostro tempo storico. Attimi di riflessione, di visione condivisa con il pubblico, s’alternano al precipitare delle dinamiche e dei rapporti forti che uniscono i personaggi.

Lo spazio scenico si riempie di segni, oggetti, sculture, reperti provenienti da un tempo arcaico e dalle visioni avute su Edipo, elementi tutti assemblati da Federico Biancalani all’interno di una scenografia sempre viva e in movimento, di grande cura e impatto visivo, capace di restituire fino in fondo la visionarietà del testo.

Il contemporaneo irrompe con video non narrativi, capaci di accompagnare e scatenare il colloquio continuo tra passato e presente che il testo mette in atto. La musica, influenzata dalla ricerca e dalle sonorità del nu-jazz inglese, entra, per dare ritmo alle azioni e alle battute, per trasformare in parola battente e in canto lirico le domande sull’uomo e sulla sua rinascita che il testo di Sofocle ci consegna.

Un museo, un luogo della memoria, un oracolo, una sala teatrale che abbraccia il pubblico in una riflessione condivisa, sono gli ambienti disegnati dalla luce e dalla scenografia, fondamentali nel nostro dialogare con la tragedia greca, con i suoi spazi scenici per noi inusuali, con il rapporto pulsante e sacro con il pubblico da lei messo in atto.

Un lavoro sull’arcaico proiettato verso l’utopia. Un tempo da passare insieme all’interno dei misteri di Colono.

INFORMAZIONI E BIGLIETTERIA

Inizio spettacolo Martedì 21 maggio ore 20.30

Biglietti: Intero € 16; Ridotto (under 14/over 65; cral; convenzioni) € 12; Ridottissimo (studenti) € 10; Gruppi (min 10 persone) € 8

Prenotazioni allo 0543.722456 |  progetti.teatrotestori@elsinor.net Prevendita su Vivaticket.

Martedì 21 maggio Edipo a Colono di Sofocle al Testori con un nuovo allestimento diretto da Gianluigi Gherzi: il teatro come piazza e agorà delle grandi storie e dei pensieri condivisi

di Gigi Gherzi

da Sofocle

con Stefano Braschi, Gigi Gherzi, Maria Laura Palmeri

regia Gigi Gherzi

scene Federico Biancalani

Disegno luci Ivan Dimitri Pilogallo

Video Nadia Baldi

Produzione Elsinor Centro di Produzione Teatrale