Due prestigiosi riconoscimenti per il prof. Paolo Colombo

37

Il docente emerito dell’Università di Parma è stato riconosciuto tra i primi 60 leader industriali nella “The Medicine Maker’s 2020 Power List” ed è entrato a far parte dell’AIMBE, Associazione Americana di Ingegneri, Medici e Biologi

PARMA – Paolo Colombo, professore emerito e già docente di Tecnologia Farmaceutica all’Università di Parma, è stato nominato tra i Top 60 più influenti leader industriali nella “The Medicine Maker’s 2020 Power List”. The Medicine Maker è un autorevole magazine medico-scientifico che pubblica costantemente articoli e news di settore promuovendo la cultura scientifica medico-farmaceutica nel mondo. La rivista, che ha celebrato persone il cui lavoro ha influenzato positivamente l’industria farmaceutica negli ultimi cinque anni, intende informare i propri lettori mettendo in evidenza i risultati più rilevanti ottenuti da queste personalità scientifiche.

Altro prestigioso riconoscimento per Paolo Colombo è la nomina nel College of Fellows dell’American Institute for Medical and Biological Engineering (AIMBE). Le nomine AIMBE nel College of Fellows sono tra le più alte distinzioni professionali accordate agli ingegneri, ai medici e ai biologi. La presenza nel College rende omaggio a coloro che hanno dato un contributo eccezionale alla “ricerca, pratica o formazione di ingegneria e medicina” e “ai pionieri di novità e sviluppi in campi tecnologici, facendo grandi progressi nei tradizionali settori dell’ingegneria medica e biologica, o sviluppando/implementando approcci innovativi alla bioingegneria”.

Il prof. Colombo è stato nominato da colleghi e membri del College of Fellows per i “contributi fondamentali a nuovi farmaci/proteine ​​per il trattamento dell’angina pectoris, degli inibitori dell’assorbimento del controllo della serotonina, del Parkinson e dell’iperplasia prostatica benigna”.

I Fellows AIMBE sono impiegati nel mondo accademico, industriale, clinico e governativo. AIMBE Fellows sono tra i più illustri ingegneri medici e biologici, tre sono vincitori di Premio Nobel, 18 hanno ricevuto la Medaglia presidenziale per la scienza, la tecnologia e l’innovazione, e 173 sono stati anche nominati alla National Academy of Engineering, 84 alla National Academy of Medicine e 37 alla National Academy of Sciences.

L’attività di Paolo Colombo, attualmente CEO della start-up “PlumeStars” srl, è rivolta anche alla lotta contro il Covid-19. “PlumeStars è impegnata nella preparazione di un prodotto capace di attaccare il virus percorrendo la sua via di infettività” – ha affermato il prof. Colombo – “cioè eseguendo una somministrazione nasale e polmonare di farmaci a basso peso molecolare, in dosi più basse ma in grado di generare concentrazioni locali di contatto molto elevate”.