Domani presentazione alla stampa mostre di FONDAZIONE MODENA ARTI VISIVE

MODENA – Mercoledì 12 settembre 2018, ore 11
, al Museo della Figurina – Palazzo Santa Margherita in Corso Canalgrande 103, Modena si terrà la presentazione alla stampa delle mostre prodotte da FONDAZIONE MODENA ARTI VISIVE.

Saranno presenti: Gianpietro Cavazza (Assessore alla Cultura del Comune di Modena), Diana Baldon (Direttrice FONDAZIONE MODENA ARTI VISIVE), Filippo Aldovini (Direttore artistico NODE – festival internazionale di musica elettronica e live media), Jon Rafman (artista), Daniela Longo (Pleiadi Emilia).

Si presenteranno alla stampa le mostre prodotte da FONDAZIONE MODENA ARTI VISIVE che inaugurano in occasione di festivalfilosofia 2018.

Jon Rafman. Il viaggiatore mentale, curata da Diana Baldon e presentata da Fondazione Fotografia Modena insieme alla Galleria Civica di Modena negli spazi della Palazzina dei Giardini, è la prima ampia personale dell’artista canadese in un’istituzione Italiana. La mostra comprende una selezione di installazioni multimediali che ripercorrono la produzione di Rafman a partire dal 2011 ad oggi.

Ryoichi Kurokawa. al-jabr (algebra), allestita nella sede di Palazzo Santa Margherita della Galleria Civica di Modena e curata da NODE festival, è la prima personale in un’istituzione Italiana dell’artista giapponese. La mostra raccoglie alcune tra le sue produzioni recenti più significative, attraverso un percorso multisensoriale caratterizzato da imponenti opere audiovisive, installazioni, sculture e stampe digitali.

Vero o falso? Le figurine sotto la lente d’ingrandimento della scienza, a cura di Pleiadi Emilia, indaga il rapporto tra scienza e verità attraverso le collezioni del Museo della Figurina, conducendo il pubblico all’interno del laboratorio scientifico, luogo simbolo dell’obiettività e dell’attendibilità.

Seguirà visita alle mostre.

Verrà presentata, infine, la videoinstallazione Doux comme saveur (A partire dal dolce) di Gianfranco Baruchello ospitata negli spazi del MATA – Ex Manifattura Tabacchi e realizzata in collaborazione con Fondazione Baruchello, Roma, e Mart, Museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto.