Dichiarazione del sindaco di Rimini, Jamil Sadegholvaad

14

RIMINI – Dichiarazione del sindaco di Rimini, Jamil Sadegholvaad:

“Dopo un 8 dicembre straordinario per il turismo, grazie alla congiuntura favorevole del calendario (la festività cadeva di venerdì) unita a un’eccezionale concomitanza di eventi e raduni fra Fiera, Palacongressi e Stadium che ha portato al tutto esaurito nei 400 hotel aperti e in vista del Capodanno, segnato da continue richieste che si avviano al sold out per i 500 hotel che saranno aperti, dando uno sguardo al calendario del 2024 possiamo vedere che, fra feste e ponti, anche quello che sta per iniziare sarà un anno d’oro, con diverse opportunità per il nostro sistema turistico.

Penso agli interessanti ponti offerti dal calendario che presentano una situazione molto simile a quella del 2023. Se escludiamo i tre giorni festivi dell’Epifania, del 2 giugno e dell’8 dicembre che cadono nel fine settimana, si può dire che ci sono numerose possibilità “ponte” sia in primavera, in particolare tra 25 aprile e il 1° maggio, sia in estate con il Ferragosto. In sostanza nel 2024 sarà possibile fare 24 giorni di vacanza usandone appena 5 del “monte ferie”. Il 2024 si apre subito con un weekend lungo, visto che il 1 gennaio cade di lunedì. Pasqua e Pasquetta cadono rispettivamente di domenica 31 marzo e lunedì 1° aprile, ma per arrivare al primo vero ponte sarà necessario attendere la Festa della Liberazione. Il 25 aprile 2024 è infatti un giovedì, che consentirà pertanto di fare una vacanza di quattro giorni. il 1° maggio, Festa dei lavoratori, cade di mercoledì, consentendo anche in questo caso un ponte lungo. Ferragosto cade di giovedì e Ognissanti, il 1° novembre 2024, è un venerdì. Il 25 e il 26 dicembre, cadendo di mercoledì e giovedì, permettono inoltre di ottenere cinque giorni di vacanza.

Se il calendario annuale consente molte opportunità per il nostro turismo, non da meno bisogna essere abili, creativi e organizzati per presentare un calendario ad alta intensità di business e convention per la Fiera e il Palacongressi di Rimini che si incrociano felicemente in un connubio di manifestazioni pronte a far rotta sui quartieri e i luoghi attrezzati per il MICE. Per i ponti di primavera a Rimini si terranno i Campionati Europei di Ginnastica Artistica che vedranno impegnate la categoria maschile dal 24 al 28 aprile e la categoria femminile dall’ 1 al 5 maggio. Durante le festività pasquali la città ospiterà il congresso associativo di Comunione e Liberazione – Studenti, che porterà a Rimini circa 10.000 partecipanti. La stagione che si avvia verso l’estate accoglierà poi una delle fiere più importanti per la città: Rimini Wellness. Nel 2024, Rimini sarà inoltre il palcoscenico di numerosi eventi sportivi, tra cui i Campionati Mondiali di FormulaE, quelli di pattinaggio, fino all’evento sportivo più atteso, il Tour de France con il primo arrivo di tappa in città il 29 giugno.

Una serie di occasione importanti per tutta la comunità, perché capaci di generare un contributo sostanziale per lo sviluppo del reddito del territorio. L’industria dell’ospitalità è “generativa”, un settore che ne intreccia molti e ha effetti su tanti altri comparti dell’economia: ristorazione, servizi, trasporti, commercio al dettaglio, solo per citarne alcuni. Ecco allora che il nuovo anno inizia all’insegna di opportunità da cogliere a pieno. Questo significa anche che occorre lavorare sulle attese e i desideri delle persone, sulla qualità dei servizi e la logistica, così come sulla capacità di presentarci per quello che siamo, una città attrattiva, con il Fellini Museum e i luoghi della cultura che costituiscono un prodotto internazionale riconosciuto, volano di attrazione per 12 mesi l’anno. Per questo il versante più impegnativo del lavoro che stiamo portando e porteremo avanti è la sinergia con l’aeroporto per incrementare voli e rotte e il programma articolato di riqualificazione alberghiera in fascia turistica, insieme al nuovo arenile le cui linee guida abbiamo appena approvato. Su questa capacità di sistema si gioca un ruolo fondamentale per cogliere al massimo l’ampia gamma di opportunità e per pianificare con intelligenza le nostre strategie per la competizione turistica.”