Covid; potenziata la rete internet nelle scuole primarie “Bersani”, “Rodari” e “Peroni”

8

municipio di forlìIl Comune investe più di 14mila € per lo sviluppo della connettività in fibra ottica

FORLÌ – Per far fronte alle crescenti esigenze di connettività dettate dalla pandemia per lo svolgimento della didattica a distanza e delle teleriunioni, l’Assessorato alle politiche educative del Comune di Forlì ha deciso di cofinanziare la messa in posa della fibra ottica nelle scuole primarie “Bersani”, “Rodari” e “Peroni”.

“Mancano poche settimane all’avvio del nuovo anno scolastico e la priorità, per questa Amministrazione, resta la qualità delle attività didattiche e di segreteria nei nostri plessi. Fin dai primi mesi di diffusione della didattica a distanza ci siamo adoperati per intensificare i lavori di completamento del piano comunale di collegamento di tutte le sedi delle scuole Primarie e Secondarie del territorio, ottenendo ottimi risultati e una copertura del servizio di connettività più che soddisfacente. Oggi, grazie a un investimento complessivo di 28.660,00 euro, di cui il 50% coperto da Lepida ScpA, la società in house della Regione Emilia-Romagna che opera per garantire l’attuazione delle politiche digitali per la crescita delle città, dei territori e di tutte le comunità regionali, e il restante 50%, pari a 14.330,00 euro, a carico del Comune, andremo a progettare ed eseguire i lavori di connessione e messa in posa della fibra ottica in quelle scuole, di nostra competenza, che ancora lamentano una scarsa connettività. Questa soluzione” – spiega l’Ass.re Casara – “ha il doppio vantaggio di accelerare i tempi di collegamento e di garantire prestazioni superiori, sia in termini di velocità di navigazione che di assistenza tecnica all’interno dei nostri plessi. In un periodo in cui, a causa della pandemia, l’acuirsi del divario digitale rischia di compromettere il futuro dei più giovani e la qualità dell’offerta educativa, la capacità di rispondere alle esigenze di connettività delle nostre scuole diventa garanzia di crescita e sostenibilità del percorso formativo. Di fronte a questa sfida” – conclude la Casara – “è nostro dovere come amministratori intervenire con strumenti rapidi e concreti per garantire il pieno diritto allo studio dei nostri ragazzi.”