Coronavirus, martedì via alla consegna delle mascherine acquistate dal Comune di Ferrara

97

Il sindaco Alan Fabbri: “combattiamo insieme una battaglia importante, mi aspetto collaborazione e buon senso”

FERRARA – Il Comune di Ferrara sta definendo in queste ore le modalità di consegna delle 150 mila mascherine destinate ai cittadini.

La consegna prenderà il via dal pomeriggio di martedì 31 marzo 2020 e proseguirà – salvo esaurimento scorte – fino a sabato 4 aprile 2020 compreso, con quattro diverse modalità: 1) attraverso i punti vendita aperti 2) nei check point allestiti nei quartieri della città 3) attraverso il servizio di spesa a domicilio 4) direttamente a casa contattando un numero di telefono dedicato.

Le mascherine verranno distribuite gratuitamente a chi ne farà richiesta, in buste chiuse, ognuna delle quali conterrà tre pezzi. Non si tratta di presidi sanitari idonei al personale che entra in contatto con situazioni a rischio, ma di strumenti comunque utili per i cittadini nello svolgimento delle attività quotidiane.

“Abbiamo deciso di acquistare le mascherine e distribuirle gratuitamente ai cittadini – spiega il sindaco di Ferrara Alan Fabbri -, perchè siamo convinti di poter vincere questa battaglia combattendo tutti insieme, con lo spirito di comunità che ci unisce. Ogni busta contiene tre mascherine e vorremmo raggiungere il maggior numero di famiglie possibili. Lancio un appello a tutti i ferraresi: è fondamentale in questa situazione pensare al bene collettivo, con generosità e altruismo.

Chiediamo quindi ad ognuno di non ritirare più di una busta per nucleo familiare, anche perché si tratta solo di una prima distribuzione a cui ne seguiranno altre. Siamo certi che tutti sapremo dimostrare massima collaborazione e forte senso civico in questo momento difficile”.

Per la distribuzione attraverso i negozi “abbiamo condiviso scopi e modalità operative con le principali associazioni di categoria – afferma a questo proposito il sindaco – che ringrazio per la grande disponibilità dimostrata nel rendere possibile questo momento importante per la collettività.

Abbiamo ritenuto utile utilizzare la rete delle attività commerciali di prossimità per rendere più semplice il ritiro da parte di tutti, durante la normale spesa o l’acquisto presso l’edicola. Chiediamo anche in questo la collaborazione dei cittadini per evitare file e assembramenti che in questo momento vanno accuratamente evitati”.

Di seguito le modalità di distribuzione. Orari e luoghi dei check point, insieme al numero di telefono da contattare saranno comunicati a breve.

1) Punti vendita. Come da accordi con le associazioni di categoria, gli esercizi commerciali in attività (alimentari, frutta e verdura, tabaccai, edicole, ecc) riceveranno le mascherine da distribuire nella mattinata di martedì, direttamente in negozio, da personale della Protezione Civile. La consegna al pubblico dovrà avvenire su richiesta del cliente, a spesa conclusa o al momento dell’emissione dello scontrino.

Per evitare assembramenti i cittadini non devono recarsi nei punti vendita esclusivamente per il ritiro della mascherina, ma considerare questa una opportunità in aggiunta alla normale attività di acquisto. I negozi, infatti, non vanno considerati punti di distribuzione, ma attività che prestano un servizio aggiuntivo.

2) Check point. Nei quartieri della città in prossimità dei principali punti vendita di alimentari, saranno allestiti check point dedicati alla consegna delle mascherine. Saranno accessibili esclusivamente in auto (è questa la modalità più sicura in termini sanitari) e facilmente individuabili.

I cittadini dovranno avvicinarsi al banchetto, abbassare il finestrino rimanendo all’interno del veicolo, quindi ricevere la busta con il materiale in piena sicurezza. A breve verranno comunicati esattamente i luoghi in cui verranno installati i gazebo e gli orari di attività.

3) Spesa a domicilio. Chi ha difficoltà ad uscire di casa e riceve la spesa a domicilio con un servizio gestito da volontari, senza la necessità di farne richiesta, nei prossimi giorni troverà in aggiunta alle provviste anche la busta con le mascherine.

4) Consegna a casa. Per chi ha difficoltà a muoversi da casa ma non ha attivato nessun servizio di assistenza, il Comune metterà a disposizione un numero di telefono dedicato a cui sarà possibile fare richiesta anche attraverso il servizio di messaggistica. La consegna avverrà nei giorni immediatamente successivi.

Nelle foto alcuni momenti del lavoro di imbustamento delle mascherine svoltosi oggi (29-3-2020) in residenza municipale da assessori e consiglieri comunali