Cooperazione accademica tra l’Universidad de Buenos Aires e l’Università di Parma

16

Firmato un accordo quadro nella sede dell’Ambasciata della Repubblica Argentina a Roma

PARMA – Accordo di cooperazione ad ampio raggio tra l’Universidad de Buenos Aires – UBA e l’Università di Parma. A firmarlo, nella sede dell’Ambasciata della Repubblica Argentina a Roma,  i due Rettori,  Alberto Barbieri e Paolo Andrei.

L’intesa sancisce la volontà delle due istituzioni di attuare una sempre maggiore collaborazione per realizzare congiuntamente studi e progetti di ricerca, sviluppare e realizzare insieme attività accademiche di post-laurea e favorire la mobilità di studenti e docenti tra i due atenei.

Temi di particolare rilievo trattati nell’incontro sono stati il trasferimento tecnologico tra Italia e Argentina e il rapporto Università-imprese per lo sviluppo del territorio. Il Rettore Barbieri ha inoltre presentato l’attività di UBATEC SA, organizzazione dell’Università per promuovere e favorire il trasferimento tecnologico in Argentina.

All’incontro di Roma oltre ai due Rettori hanno partecipato Patricio Conejero Ortiz, Segretario delle Relazioni Internazionali della UBA, Giuseppe Bonazzi, Direttore del Master MITA e docente dell’Università di Parma, Monica Monterotti dell’Ambasciata della Repubblica Argentina in Italia e Andrea Gonzàlez, Segretaria responsabile della sezione per la promozione culturale dell’Ambasciata Argentina in Italia e Direttrice della Casa Argentina di Roma.

L’Universidad de Buenos Aires, fondata nel 1821, conta ora oltre 300mila studenti e studentesse e 23.000 docenti, organizzati in 13 facoltà. È al 69° posto nel mondo nel ranking QS e prima dell’area Ibero-America.

Il rapporto tra l’Università di Parma e quella di Buenos Aires è consolidato dalla ultradecennale esperienza del Master internazionale in tecnologia degli alimenti MITA, svolto dall’Ateneo parmense con la Facultad de Agronomia della UBA. La prima edizione è del 2008.