Contestata la violazione amministrativa al ragazzo che si è arrampicato sul parapetto della Fontana Masini

“Il controllo civico attivato dai cesenati è un bellissimo segnale, soprattutto se – come in questo caso – porta ad attivare subito le forze dell’ordine”

polizia-municipale-CESENA – Verrà contestata la violazione amministrativa del Codice di convivenza civile al ragazzo che ieri si è arrampicato sulla fontana Masini per un estemporaneo ‘balletto’, suscitando l’indignazione di molti presenti che hanno manifestato il loro biasimo sia rivolgendosi direttamente all’autore del gesto, sia segnalando l’accaduto sui social.

La Polizia Municipale, immediatamente avvertita, è intervenuta sul posto e ha provveduto a identificare il giovane, e per fortuna, sulla base delle verifiche effettuate, è risultato che la fontana non ha subito danneggiamenti. Ulteriori accertamenti sono in atto, attraverso la visione delle immagini della videosorveglianza (sembra che il giovane sia entrato anche dentro la vasca).

In ogni caso, secondo quanto previsto dal Codice di Convivenza Civile (che all’articolo 23- punto ‘o’ indica il divieto di “arrampicarsi su monumenti, pali, arredi, alberi, segnaletica, inferriate ed altri beni pubblici o anche privati posti con libero accesso da suolo pubblico”), il responsabile rischia una sanzione amministrativa fino a 500,00 euro.

“L’episodio di ieri, al di là della sconsideratezza dell’atto (per fortuna, a quanto sembra, senza conseguenze per la nostra bella fontana) – sottolinea il Sindaco Paolo Lucchi – ci consegna una notizia buona: quella dei tanti cesenati che, indignati per quanto stava accadendo sotto i loro occhi, hanno svolto una funzione di ‘controllo civico’, chi intervenendo direttamente, chi postando la foto sui social, chi inviandomi foto e video via mail. E’ un bellissimo segnale, soprattutto se accompagnato da una segnalazione alla Polizia Municipale che, esattamente come in estate quando si verificò l’imbrattamento del monumento in occasione di una festa di laurea, è intervenuta subito identificando il responsabile. Di questo ringrazio il Comandante Colloredo e gli agenti di P.M. impegnati. Per quanto riguarda la tutela della fontana, come si ricorderà, subito dopo l’imbrattamento dell’estate scorsa abbiamo collocato apposite targhe (il cui costo è stato sostenuto dal ragazzo responsabile di quell’episodio) e distribuito volantini informativi ai bar della piazza. Valuteremo se intraprendere nuove iniziative al riguardo, ma intanto la vigilanza messa in atto dai cesenati mi pare uno strumento di dissuasione importante, specialmente se accompagnato da una chiamata alle forze dell’ordine”.