Consiglio comunale, il Sindaco Virginio Merola ricorda Bruno Pizzica in apertura di seduta

62

Al termine dell’intervento il Consiglio ha osservato un minuto di silenzio

BOLOGNA – Di seguito l’intervento del Sindaco Virginio Merola in ricordo di Bruno Pizzica, recentemente scomparso. Subito dopo il Consiglio comunale ha osservato un minuto di silenzio.

“Care consigliere, cari consiglieri, a poche ore dalla notizia della morte di Bruno Pizzica ho detto che è molto difficile dirgli addio. Molto difficile e molto doloroso perché con Bruno se ne va un pezzo di tanti di noi che in questi anni l’hanno conosciuto o perché coinvolti come lui nel sindacato, o nell’associazionismo o perché amministratori.

Bruno Pizzica è stato un esponente di primo piano del sindacalismo bolognese, tra le tante partite che ha seguito è stato protagonista della contrattazione territoriale, nella quale si disegna il welfare cittadino. Ha lavorato sempre con lo sguardo in avanti, con lungimiranza, sapeva indicare soluzioni che guardavo non solo al presente ma al futuro. Bruno lo ha testimoniato anche con il lavoro intenso che stava facendo, alla guida del Sindacato pensionati della Cgil regionale, sulla condizione delle persone anziane. L’assessore Barigazzi mi ha testimoniato più volte che le telefonate di Bruno non mancavano mai, per dare un consiglio o per segnalare criticità, sempre in un approccio collaborativo e insieme determinato.

Di Bruno Pizzica voglio in particolare ricordare la grande umanità, un aspetto che lo rende un esempio per tutti quelli che, come lui, lavorano per migliorare la condizione dei lavoratori e dei pensionati.

Come sapete è scomparso a causa del covid, questo killer che da più di un anno ha stravolto le nostre vite. Ora ci troviamo di nuovo in una fase molto delicata con numeri troppo alti e la necessità di restrizioni inevitabili se vogliamo che i nostri ospedali e la nostra sanità stiano in equilibrio.

Bruno aveva guardato con grande preoccupazione a quello che era accaduto un anno fa nelle residenze per anziani, durante la prima ondata. Sarebbe sicuramente contento di sapere che oggi la vaccinazione sta facendo crollare i casi tra gli anziani, e approverebbe soprattutto il fatto che molto è ciò che bisogna fare, che l’impegno deve essere sempre costante e che chi sta a fianco dei lavoratori sa bene che per i veri cambiamenti si deve lottare insieme ogni giorno e dalla parte dei lavoratori e delle persone più in difficoltà. Alla famiglia, al sindacato Cgil il nostro cordoglio e la nostra vicinanza”.