Consiglio comunale, gli ordini del giorno approvati

73

BOLOGNA – Nel corso della seduta di oggi, il Consiglio comunale ha approvato quattro ordini del giorno.

Il primo, presentato a inizio seduta dal consigliere Roberto Fattori (Partito Democratico) e firmato dai gruppi consiliari Partito Democratico, Movimento 5 stelle e Coalizione civica, riguarda: l’estensione del bonus baby sitter anche ad altre categorie di lavoratori e lavoratrici; l’eliminazione del meccanismo dell’alternatività tra i due genitori tra smart working e congedi e bonus; l’ampliamento dei fondi per tale misura. L’ordine del giorno è stato approvato all’unanimità.

Il secondo ordine del giorno, presentato dal consigliere Federico Martelloni (Coalizione civica) e firmato dalle consigliere Emily Marion Clancy (Coalizione civica), Amelia Frascaroli (Città comune), Federica Mazzoni, Isabella Angiuli, Simona Lembi, Gabriella Montera, Roberta Li Calzi, Loretta Bittini e Rossella Lama (Partito Democratico), dai consiglieri Francesco Errani, Raffaele Persiano, Andrea Colombo, Michele Campaniello, Roberto Fattori (Partito Democratico) e Marco Piazza e Massimo Bugani (Movimento 5 stelle), esprime solidarietà ai lavoratori e lavoratrici del mondo della logistica e delle consegne a domicilio e sostegno alle iniziative legate al blocco delle consegne indetto per il 26 marzo.

L’ordine del giorno è stato approvato con 28 voti favorevoli (Partito Democratico, Città comune, Movimento 5 stelle, Coalizione civica, gruppo misto-Nessuno resti indietro, gruppo misto-Al centro Bologna) e 5 non votanti (Lega nord, Fratelli d’Italia, Insieme Bologna).

Il Consiglio ha poi approvato due ordini del giorno sul tema dell’utilizzo della filiera Bio-on per la produzione di vaccini a Bologna. Il primo, presentato dalla consigliera Mirka Cocconcelli (Lega nord) e firmato dai consiglieri Umberto Bosco e Paola Francesca Scarano (Lega nord) invita la Giunta a collaborare in sinergia con tutti gli attori istituzionali pubblici (Governo, Regione, Città metropolitana) e privati al fine di adottare tutte le possibili soluzioni atte a far emergere le potenzialità e le capacità del distretto territoriale bolognese, rappresentato non solo dalla start up Bio -On, ma da tutta la filiera del biomedicale, meccanica e packaging. L’ordine del giorno è stato approvato con 26 voti favorevoli (Partito Democratico, Città comune, Movimento 5 stelle, Lega nord, Fratelli d’Italia, Coalizione civica, Insieme Bologna, gruppo misto-Nessuno resti indietro, gruppo misto-al centro Bologna) e 8 non votanti (Guidone, Leti, Campaniello, Bittini, De Filippo, Di Girolamo, Lama, Zanetti – Partito Democratico).

Il secondo ordine del giorno, che invita a valutare attentamente e in tempi rapidi la possibilità di utilizzare gli stabilimenti di Bio-on e i bio reattori, opportunamente riconvertiti, per una produzione di vaccini autorizzati, è stato presentato dal consigliere Roberto Fattori (Partito Democratico) come collegato al precedente e firmato dalle consigliere e dai consiglieri Gabriella Montera, Isabella Angiuli, Elena Leti, Caterina Manca,Simona Lembi, Federica Mazzoni, Loretta Bittini, Piergiorgio Licciardello, Michele Campaniello, Raffaella Santi Casali, Luisa Guidone, Roberta Li Calzi, Vinicio Zanetti, Raffaele Persiano, Giulia Di Girolamo, Nicola De Filippo (Partito Democratico). L’ordine del giorno è stato approvato con 28 voti favorevoli (Partito Democratico, Città comune, Movimento 5 stelle, Coalizione civica, gruppo misto-Nessuno resti indietro, gruppo misto-Al centro Bologna), 3 astenuti (Lega nord) e 3 non votanti (Fratelli d’Italia, Insieme Bologna).