Concerto “A quattro mani” il 24 gennaio 2019 a San Colombano

BOLOGNA – Giovedì 24 gennaio 2019 alle ore 20.30 presso il Museo di San Colombano – Collezione Tagliavini (Bologna, via Parigi 5) è in programma il concerto A quattro mani.

N.B. La partecipazione al concerto è consentita solamente previa esibizione di un coupon gratuito, da ritirare (fino all’esaurimento dei posti disponibili) presso la reception di San Colombano a partire da sabato 19 gennaio 2019 alle ore 11.00.

Concerto

A quattro mani

Wyneke Jordans & Leo van Doeselaar

duo pianistico

Musiche di Franz Schubert

(8 Variazioni in La bemolle su un tema originale, op. 35),

Robert Schumann

(una scelta di brani tratti da Stücke für groβe und kleine Kinder)

e Johannes Brahms

(Variazioni su un tema di Robert Schumann, 4 Danze ungheresi)

pianoforti di Matthäus Andreas Stein (Vienna, 1833) e di Carl Bechstein (Berlino, 1866)

Il duo olandese WYNEKE JORDANS – LEO VAN DOESELAAR incominciò la sua ricca attività nel 1977, esibendosi da allora in tutta l’Europa, negli Stati Uniti, in Russia e in Cina, nel repertorio a quattro mani e per due pianoforti. Insieme hanno inciso una dozzina di dischi, per Etcetera, Challenge Classics e Globe. Il duo ha organizzato masterclasses di fortepiano al Festival di musica antica di Utrecht, al Festival delle Fiandre e al York Early Music Festival.

Wyneke Jordans è una pianista e fortepianista olandese, proveniente da una nota famiglia musicale, ha cominciato gli studi di pianoforte all’età di 4 anni. Si è diplomata in pianoforte sotto la guida di Jan Wijn al Conservatorio Sweelinck di Amsterdam

Leo van Doeselaar è un pianista, fortepianista e organista olandese, diplomatosi in organo con Albert de Klerk e in pianoforte con Jan Wijn, presso il Conservatorio Sweelinck di Amsterdam. Ha studiato repertorio organistico francese con André Isoir, e fortepiano con Malcolm Bilson e Jos van Immerseel. È stato diretto da Ernest Bour, Riccardo Chailly, Jean Fournet, Ingo Metzmacher, Mariss Hansons, Frans Brüggen; ha collaborato come continuista con gli ensemble di musica antica diretti da Philippe Herreweghe, Ton Koopman, Sigiswald Kuijken, Gustav Lenhardt, Andrew Parrott. Organista titolare alla Pieterskerk di Leiden e della sala Concertgebouw, dal 1995 insegna organo all’Università delle Arti di Berlino.

Prossimi appuntamenti al Museo di San Colombano-Collezione Tagliavini:

domenica 27 gennaio ore 18.00

Concerto con musiche di Franz Liszt e Gioachino Rossini; con Federica Carnevale e Carlo Mazzoli

(in collaborazione con la Fondazione Istituto Liszt di Bologna)

sabato 2 febbraio ore 17.00

Concerto “Rimembranza di Napoli. L’arpa nel Regno di Napoli da musicisti di strada a celebrati virtuosi), con Sara Simari

(in collaborazione con Bologna Harp Festival / Associazione Culturale Arpeggi)

sabato 9 febbraio ore 17.00

Concerto di Tomas Gavazzi, vincitore del Primo concorso organistico internazionale “Tommaso Roccatagliata” di Cairo Montenotte-Rocchetta Cairo, 2018

sabato 16 febbraio ore 17.00

Concerto della classe di flauto dolce e traversiere di Daniele Salvatore

(in collaborazione con il Conservatorio G.B. Martini di Bologna)

giovedì 21 febbraio ore 20.30

Concerto “Alle fonti dell’ispirazione di Stravinskij (Pulcinella)”, con Elena Bernardi, Elicia Silverstein, Alberto Stevanin, Filippo Pantieri e Mauro Valli

sabato 23 febbraio ore 17.00

Concerto della classe di organo di Javier Artigas Pina

(in collaborazione con il Conservatorio Superior de Música de Aragón, Saragozza)