Cesena, conclusa la seconda edizione delle “olympics4all”

Presentate le linee guida sulle buone pratiche per la promozione dello sport nella popolazione over 60

CESENA – Sabato 21 settembre, in occasione della Settimana Europea dello Sport, si è tenuta la seconda edizione delle “Olympics4all”, le Olimpiadi per over 60, organizzate all’interno del progetto europeo In Common Sports, finanziato dal programma Erasmus+, di cui il Comune di Cesena è partner. Quest’anno le Olimpiadi sono state inserite all’interno della sesta edizione di “Cesena in Wellness”, l’iniziativa dedicata al benessere e all’attività fisica promossa e organizzata dall’Associazione Time to move presso il Club Ippodromo di Cesena.

Lo scorso 17 settembre il progetto In Common Sports è stato inoltre premiato dalla Wellness Foundation come buona pratica per avvicinare lo sport alle persone di terza età, elemento strategico nella prevenzione di patologie croniche. Il progetto è nato, infatti, per promuovere uno stile di vita sano nei cittadini anziani, analizzando, in particolare, quanto il fattore motivazionale associato alle competizioni sportive, influenzi le persone di terza età nel condurre un regolare esercizio fisico.

Alla seconda edizione delle “Olypics4all” hanno partecipato più di 30 persone coinvolte nel progetto anche attraverso allenamenti settimanali durante tutto l’anno. I partecipanti sono stati divisi in 4 squadre, che si sono sfidate in 4 discipline sportive diverse, basket, pallavolo, bocce e atletica. Le gare si sono concluse con la premiazione di tutti gli atleti, a cui sono state consegnate medaglie simboliche per la partecipazione, con gli interventi del Vicesindaco e Assessore allo Sport Christian Castorri e dell’Assessora alla Sostenibilità Ambientale e all’Europa Francesca Lucchi.

L’evento è stata anche l’occasione per presentare le linee guida, realizzate all’interno del progetto “In Common Sports”, over 60, messe in atto nei paesi partner del progetto. Oltre alle buone pratiche, sono state raccolte le idee su come promuovere l’attività fisica tramite interviste ai trainer e ai referenti politici dei paesi che partecipano al progetto. Le Linee guida verranno pubblicate a breve anche sul sito del progetto.

Le attività del progetto “In Common Sports” continuano con le misurazioni semestrali dello stato di benessere dei partecipanti al progetto, che sono suddivisi nel gruppo sperimentale degli “attivi”, cioè coloro che partecipano agli allenamenti e in quello dei “non attivi”, che per vari motivi non possono partecipare agli allenamenti, ma hanno comunque la possibilità di essere sottoposti, gratuitamente, a controlli periodici dello stato di salute.

Cesena, 24 settembre 2019