Cambiamenti climatici e politiche ecosostenibili

31

Il Comune di Cesena aderisce al censimento ambientale 2021 elaborato da ISTAT

CESENA – Una carta d’identità ambientale a cura dell’Istat per presentare le città metropolitane e capoluogo di provincia. In vista dell’edizione 2021 del rapporto dell’Istituto Nazionale di Statistica che raccoglie i dati ambientali delle città, il Comune di Cesena si prepara a rispondere a sette questionari relativi ad altrettanti ambiti di interesse: aria, eco management, energia, mobilità, rifiuti, rumore e verde urbano. Con questa adesione il territorio potrà contare su una raccolta organica di elementi utile alla creazione di un database a supporto del monitoraggio dello stato dell’ambiente urbano e delle attività introdotte e promosse dall’Amministrazione per assicurare la buona qualità dell’ambiente nella città.

“Tutti i percorsi avviati da questa Amministrazione – commenta l’Assessora alla Sostenibilità ambientale Francesca Lucchi – hanno come obiettivo strategico la qualità dell’ambiente e il benessere della collettività, a partire dalla buona salute del territorio. Vanno proprio in questa direzione il Piano Urbanistico Generale di Cesena-Montiano e il Piano Urbano della Mobilità Sostenibile,  strumenti avviati per ripensare la città in tutti i suoi aspetti: ambiente, mobilità, società ed economia. Questi percorsi nascono con lo scopo di fissare obiettivi e di definire progettualità future ma è importante fare in modo che i cittadini comprendano i cambiamenti per poi condividerne le misure. Per accogliere le sfide del futuro legate principalmente ai cambiamenti climatici e per non rendere ulteriormente preoccupante il debito ecologico che abbiamo nei confronti del Pianeta, occorre intraprendere scelte radicali per quanto riguarda il mutamento dei nostri modelli di produzione e consumo. Reagire alla sfide è dunque essenziale per rispondere alle esigenze che gradualmente emergono a livello locale e globale. La scienza – prosegue l’Assessora – concorda nel ritenere che le emissioni di gas serra derivanti dalle attività umane, principalmente connesse ai consumi di energia fossile, incidono sul riscaldamento globale e che, per limitare l’aumento della temperatura, è necessario un impegno concreto da parte dei Paesi industrializzati.  A questo scopo, l’Unione Europea ha approvato il ‘Quadro per il Clima e l’Energia 2030’ e fissato i propri obiettivi di riduzione, tra cui diminuire del 40% i gas a effetto serra entro il 2030. Nell’ambito del Patto dei Sindaci per il Clima e l’Energia, promosso dall’Unione Europea, anche Cesena come le altre città firmatarie si è impegnata a sostenere l’attuazione dell’obiettivo comunitario e l’adozione di un approccio comune per affrontare la mitigazione e l’adattamento ai cambiamenti climatici dei territori. Con queste premesse abbiamo aderito volontariamente al lavoro curato dall’Istituto Nazionale di Statistica sui dati ambientali della città considerando che per governare in maniera efficace è importante raccogliere quante più informazioni relative al territorio”.

La rivelazione si articolerà su sette questionari d’indagine che raccolgono informazioni sulla diffusione degli inquinanti atmosferici e misure per contenere l’inquinamento; produzione di energia da fonte rinnovabile, utilizzo efficiente dell’energia, certificazione e riqualificazione energetica degli edifici; iniziative per prevenire la produzione, agevolare il corretto conferimento e la raccolta dei rifiuti urbani; misure del rumore, superamenti dei limiti e attività temporanee a rilevante impatto acustico; domanda e offerta di trasporto pubblico locale, mobilità sostenibile e info-mobilità; verde urbano a gestione pubblica, azioni per lo sviluppo degli spazi verdi e aree naturali protette; strumenti di pianificazione relativi alle principali tematiche ambientali urbane.