Bianco, new entry, è nono assoluto al Due Valli

30
foto di Mario Leonelli

Il pilota di Schio, nuovo acquisto di Motor Valley Racing Division, raccoglie i primi punti per la terza zona, in CRZ ed R Italian Trophy, salvando il bilancio in terra scaligera

MODENA – È stato un Rally Due Valli particolarmente interessante per Motor Valley Racing Division, potendo vantare tra le proprie fila un pilota di indubbio valore quale è Efrem Bianco, vecchia conoscenza del rallysmo in Triveneto che dall’appuntamento scaligero, corso tra Venerdì e Sabato, è entrato a far parte della scuderia con base a Modena.

Il pilota di Schio, affiancato da Dino Lamonato su una Skoda Fabia Rally2 Evo di H Sport, ha concluso la prima di Coppa Rally ACI Sport in terza zona, valevole anche per l’annesso R Italian Trophy, al nono posto assoluto, in gruppo RC2N ed in classe R5 – Rally2, lottando in mezzo ai protagonisti del Campionato Italiano Rally Asfalto, al suo via in quel di Verona.

“Dopo il terzo assoluto dello Schio 2022” – racconta Bianco – “sono stato fermo cinque mesi, complice anche il calendario di zona che ha visto un sacco di annullamenti. Confrontarsi con i protagonisti del CIRA, essendo alla prima gara dell’anno, non è stato per niente facile. Il bicchiere è mezzo pieno, abbiamo cambiato team ma non abbiamo potuto effettuare test prima della gara. Abbiamo cercato di fare il nostro passo sugli avversari diretti in zona, riuscendo a stare molto vicini a loro al primo giro. Nel secondo ci siamo quasi girati, perdendo tempo nello spegnimento della vettura, mentre nel terzo abbiamo fatto delle scelte tecniche che non hanno pagato. Grazie a tutti i partners, alla Pirelli ed alla scuderia Motor Valley Racing Division.”

Dalla gioia a metà del vicentino ad un Roberto Righetti che, in coppia con Diego Rossi su una Skoda Fabia Rally2 Evo di P.A. Racing, si è visto costretto ad abbandonare la compagnia, mentre era dodicesimo assoluto, in seguito ai postumi di una toccata sulla terza speciale.

“Abbiamo calcolato male una staccata umida” – racconta Righetti – “e siamo arrivati leggermente lunghi. Abbiamo toccato, rovinando soltanto il paraurti nella parte sinistra. Sfortuna vuole che si sia sganciata la leva del cambio e non siamo riusciti a ripartire.”

Soddisfatto dell’esperienza maturata, nonostante un problema tecnico che lo ha penalizzato in avvio, è stato un Paolo Nodari che, assieme al figlio Giulio su una Skoda Fabia Rally2 messa a disposizione da MS Munaretto, ha terminato la due giorni al sedicesimo posto nella generale.

Per lui anche il quindicesimo in gruppo RC2N ed in classe R5 – Rally2.