Azzardopatie: Modena riduce gli orari di gioco delle Slot Machine

83

Per combattere il gioco d’azzardo patologico, il sindaco Muzzarelli firma l’ordinanza che disciplina gli orari di funzionamento delle slot machine in sale da gioco e localiSlot-machine

MODENA – Slot machine e videopocker che prevedono vincite in denaro potranno funzionare per un massimo di otto ore al giorno, dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 22, tutti i giorni, festivi compresi, e per il resto della giornata dovranno essere obbligatoriamente spente.

È quanto prevede l’ordinanza firmata nella mattinata di oggi, lunedì 13 marzo, dal sindaco di Modena Gian Carlo Muzzarelli alla presenza dell’assessore alla Promozione della cultura della legalità Andrea Bosi, e che rientra tra gli strumenti adottati dall’Amministrazione per contrastare il gioco d’azzardo patologico sul territorio modenese.

Le sanzioni:

In base all’ordinanza, le violazioni alla disciplina degli orari di funzionamento e dell’obbligo di spegnimento saranno punite con sanzione amministrativa da un minimo di 75 a un massimo di 450 euro. La violazione dell’obbligo di esporre l’avviso per il pubblico prevede invece sanzioni da un minimo di 50 a un massimo di 300 euro.

L’ordinanza, che sarà in vigore dal 3 aprile infatti, oltre alla disciplina degli orari di funzionamento, impone anche ai titolari di sale da gioco, bar, ricevitorie e tutti gli altri esercizi nei quali sono collocate macchinette per il gioco d’azzardo, di esporre un cartello che indica agli avventori gli orari di funzionamento. L’atto è stato adottato dopo aver consultato le associazioni di categoria interessate, gli enti di promozione sociale e le associazioni dei consumatori e del volontariato che collaborano con l’Amministrazione. L’ordinanza risponde inoltre anche a una sollecitazione del Consiglio comunale che nel maggio 2015 aveva approvato all’unanimità un ordine del giorno, sottoscritto da tutti i gruppi consiliare, per la prevenzione e il contrasto del gioco d’azzardo che, tra le varie misure, richiedeva appunto anche azioni che disincentivano l’installazione e l’uso delle macchinette.