“Aquile Ferrara”, una squadra sempre più competitiva e pronta alle sfide del Campionato nazionale di Football americano II Divisione

16

Esordio casalingo domenica 13 marzo (alle 14)

FERRARA – Con in testa un progetto di rinnovamento per diventare sempre più competitivi e puntare a nuovi traguardi, alle spalle un mese e mezzo di allenamenti serrati sotto la guida dell’head coach Michael Joseph Faragalli e l’annuncio di una nuova formazione che vanta l’inserimento, a fianco di promettenti ferraresi, di giocatori provenienti da Rovigo e da Comacchio. Sono queste alcune delle premesse con le quali dirigenti e giocatori delle “Aquile Ferrara” dell’associazione sportiva American Football Team Estense si apprestano dal 13 marzo  prossimo a sfidare gli avversari del Campionato nazionale di Football americano II Divisione – 2022.

Per illustrare condizioni e preparazione della squadra e propositi per il nuovo Campionato, a fianco dell’assessore allo Sport del Comune di Ferrara Andrea Maggi sono intervenuti nella mattinata di mercoledì 2 marzo 2022 nella residenza municipale di Ferrara nel corso di una conferenza stampa i responsabili e rappresentanti delle ‘Aquile Ferrara’ Alfredo Ferrandino (presidente), Raffaello Pellegrini (general manager) e Michael Joseph Faragalli (head coach) e giocatori della formazione che scenderà in campo.

“Per l’Amministrazione comunale è davvero un piacere ospitarvi qui oggi – ha affermato l’assessore allo Sport Andrea Maggi – a conferma che siete una realtà fortemente radicata nel panorama ferrarese, grazie anche ai quarant’anni della vostra attività sportiva. Questa presentazione è un momento importante anche perchè – ha poi aggiunto – coincide con il via a un progetto di rinnovamento della squadra nella prospettiva di ottenere in futuro non solo risultati conservativi ma migliori traguardi. L’Amministrazione, laddove è possibile, è vicina al mondo dello sport, soprattutto a un mondo dello sport così sano, giovane e pieno di passione come il vostro, che rappresenta un bellissimo biglietto da visita per tutta la città”.

(Comunicazione a cura degli organizzatori)

A poco meno di due settimane dall’inizio del campionato di Seconda Divisione le Aquile iniziano a rifinire la preparazione dopo un mese e mezzo circa di allenamenti serrati sotto la guida dell’head coach Faragalli in vista dell’esordio casalingo del prossimo 13 marzo contro i Giaguari Torino. La squadra estense non ha lesinato nella preparazione, con 3 allenamenti a settimana e diverse sedute tecniche per impostare soprattutto il nuovo sistema offensivo di coach Faragalli, un cambiamento di non poco conto che la franchigia estense metterà alla prova in una partita d’esordio sicuramente tra le meno facili della stagione regolare. D’altro canto il progetto di rinnovamento della squadra ferrarese non ci si aspetta prenda piede in breve tempo e impostare un nuovo sistema di gioco soprattutto offensivo e soprattutto nel football americano, richiede tempo. Ma le Aquile non puntano a risultati immediati quanto a creare una base solida su cui poter lavorare anche nelle prossime stagioni. La collaborazione con gli Alligators Rovigo ed i Buccaneers Comacchio ha portato diversi giocatori a Ferrara a rinfoltire le file di un roster che conta poco meno di 40 giocatori tra veterani e giovani promesse.

L’attacco estense, che conta un ottimo pacchetto di ricevitori tra cui spiccano Medini e Mingozzi (migliori ricevitori della 2° divisione nel campionato 2019) dovrà contare sul giovane Zeno Zucchelli in cabina di regia stante l’assenza quest’anno di Golfieri con coach Faragalli che può comunque puntare anche su un valido gioco di corsa con Romagnoli, Rocco Zucchelli e Carulli. Il compito più duro toccherà alla linea d’attacco, chiamata a difendere il proprio qb con costanza; l’assenza di Martinelli per l’intera stagione si farà sentire ma Faragalli ed il suo assistente Orlandi hanno lavorato molto in queste settimane per migliorare un reparto che per tante squadre italiane è sempre un punto nevralgico quanto difficile da creare e far crescere. Anche la difesa allenata da coach Brunetti ha lavorato molto con l’obiettivo di essere una vera spina nel fianco per gli attacchi avversari; la linea difensiva si fonda sull’esperienza del veterano Fondi con i giovani La Torre e Brunetti che già hanno dato buona prova di se nelle passate stagioni, affiancati dal rodigino Solimine mentre in difesa la presenza di capitan Peressotti tra i lineabacker da sicurezza ad un reparto con ottimi prospetti e tanta voglia di giocare. Sicurezza anche sul gioco aereo anche qui con un veterano come Zanella a fare buona guardia sul gioco affiancato da talenti quali Bottoni e Bindini (con quest’ultimo che, insieme a Rocco Zucchelli sarà impiegato anche in attacco). Le Aquile ci sono quindi, ancora una volta al cancelletto di partenza come fanno da oltre 40 anni e con tanta voglia di divertirsi e giocare a football. Certamente questa stagione sentiremo la mancanza di diversi giocatori come il già citato offensive lineman Martinelli, il ricevitore Gardinale e la linea difensiva Bianchi che causa infortunio salteranno l’intera stagione; mancherà qualche giocatore veterano che ha appeso il casco al chiodo e chi ha deciso di tentare le proprie fortune in altre squadre di maggior livello. Dovremo aspettare ancora un po’ per rivedere in campo altri giocatori talentuosi come Ferrari e Ghironi ancora in fase di recupero di infortuni; alla fine mancheranno una decina di giocatori tra esperti e veterani che sicuramente potrebbero fare la differenza in squadra ma il football è fatto cosi e le Aquile per questa stagione dovranno stringere i denti e difendere con convinzione e i colori sociali e guardare avanti quando il rientro di questi giocatori tornerà a rinforzare la squadra.

Le impressioni di coach Faragalli sulla squadra dopo queste prime settimane di allenamento sono comunque positive: “I giocatori amano il football, sono appassionati e desiderosi di imparare. Passati i problemi legati la Covid, cominciamo ad avere tutti ad allenamento e possiamo lavorare molto meglio sugli assegnamenti della linea d’attacco, dei ricevitori e dei runningbacks. Mi piace molto l’intensità che mostra la nostra difesa, anche se dobbiamo e possiamo essere più consistenti sulle coperture dei passaggi. In generale stiamo migliorando allenamento dopo allenamento quindi contiamo di arrivare alla prima di campionato con una buona preparazione.”

Il campionato vedrà nella prima fase le Aquile scontrarsi con le squadre del proprio girone (Giaguari Torino, Reapers Torino e Hogs Reggio Emilia) con la formula dell’andata e ritorno secondo il seguente calendario: il 13 marzo a Ferrara contro i giaguari , il 19 marzo a Torino contro i Reapers, il 3 aprile a Ferrara contro gli Hogs per poi iniziare il girone di ritorno il 24 aprile a Torino contro i Giaguari, 1’8 maggio in casa contro i Reapers ed il 14 maggio contro gli Hogs a Scandiano. Seguiranno poi i playoff a partire da fine maggio che culmineranno nella finale del 26 giugno.