Apertura del Centro Operativo Comunale e supporto al nuovo Drive Through Tamponi della zona sud della Provincia

105

Grande contributo da parte delle associazioni di volontariato di Protezione Civile nella gestione dell’emergenza sanitaria COVID-19. Richiesta all’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile l’attivazione Coordinamento Provinciale

RIMINI – Come preannunciato da lunedì è attivo il drive through x i tamponi realizzato a Riccione a servizio dei Comuni della zona sud della Provincia di Rimini organizzato dall’AUSL Romagna, Esercito Interforze, Comune di Riccione e COI Riviera del Conca.

Un ruolo di rilievo nello svolgimento di detta attività è svolto dalle organizzazioni di volontariato di Protezione Civile del territorio della Riviera del Conca (Comuni di Cattolica, Coriano, Misano A., Riccione, S. Giovanni in M.no). In particolare sono coinvolte per l’assistenza alla popolazione e il presidio diurno delle attrezzature, la delegazione di Riccione della Croce Rossa Italiana, l’Associazione Arcione di Riccione e l’Associazione Nazionale Carabinieri in Congedo di Cattolica con 6 volontari/giorno.

Nella gestione dell’emergenza sanitaria COVID-19, queste associazioni stanno fornendo il loro prezioso contributo fin dallo scorso marzo con la distribuzione del materiale informativo agli esercizi commerciali e alla popolazione, la distribuzione delle mascherine, dei pacchi alimentari, dei farmaci, ecc., ma nel contempo operano anche attraverso altre attività riconducibili all’emergenza in atto: la Croce Rossa per esempio continua a curare la distribuzione dei pacchi alimentari e dei farmaci alle persone bisognose, a provvedere alla consegna a tutti i medici del territorio dei vaccini antinfluenzali e al trasporto dei degenti COVID-19 in uscita dagli ospedali, Arcione all’assistenza all’emporio solidale di Riccione e insieme ad ANC a fornire informazioni sul corretto utilizzo dei dispositivi di protezione e sulle norme di comportamento da tenere alla popolazione in occasione di mercati, supermercati e nei luoghi ove vi è il rischio di assembramento.

L’impegno delle tre associazioni coinvolte è rilevante, la risposta è stata fin da subito pronta ed efficace; per far fronte a queste molteplici attività e garantire la continuità dei servizi resi tuttavia è necessario poter contare su un importante numero di volontari.

Per questo motivo i Sindaci dei cinque Comuni, attraverso il Centro Operativo Intercomunale di P.C., si sono rivolti alla Regione Emilia Romagna affinché attivi il Coordinamento Provinciale del Volontariato di Protezione Civile per il territorio afferente la Riviera del Conca.