Categorie: EventiForli Cesena

Al via il LXVII Convegno della Società di Studi Romagnoli

Due week-end dedicati a storia, cultura, arte e identità

FORLÌ – Con il sessantasettesimo convegno, la Società di Studi Romagnoli torna a Forlì dopo la precedente tornata ospitata nel 2001. Altri convegni annuali furono tenuti nel 1956 e 1972, oltre a quattro Giornate di studio (nel 1983 in ricordo di Aldo Spallicci, nel 1985 per Antonio Mambelli, nel 1997 per Antonio Fratti, nel 1998 per Icilio Missiroli).
Ancora una volta, come è tradizione peculiare e importante della Società, sono stati chiamati a dialogare sulla città e il territorio romagnolo i nomi più rappresentativi della ricerca universitaria, gli studiosi locali – preziosi indagatori delle storie culturali municipali – e alcuni giovani ricercatori. Tanti i temi: le ricerche archeologiche e idrografiche, il patrimonio storico e culturale, la vita religiosa, letteraria e artistica, lo sviluppo economico e urbanistico, le tradizioni locali. A testimoniare la vivacità della vita culturale romagnola, le richieste di intervento hanno superato ogni possibilità di accoglimento, anche se il numero dei relatori, ben quarantadue, prefigura giornate di lavoro densissime. In questa occasione, grazie alla generosità di vari Enti e Associazioni, sarà pubblicato in edizione commentata, a cura del dott. Michele Lodone, della Scuola Normale Superiore di Pisa, il discorso restato ancora inedito che il prof. Augusto Campana, studioso insigne e fondatore della Società di Studi Romagnoli, pronunciò a Forlì l’8 dicembre del 1963 nell’Auditorium comunale per la celebrazione di Biondo Flavio, nel V centenario della morte, su Ritratto romagnolo di Biondo Flavio.
Questo sessantasettesimo convegno, che si avvale del patrocinio e della collaborazione del Comune di Forlì e si svolgerà nella Sala del Refettorio dei Musei San Domenico (Piazza Guido da Montefeltro n.12 – Forlì), è il primo che si tiene senza la presenza del prof. Luigi Lotti, presidente della Società fin dal 1979, scomparso a Firenze il 9 marzo 2016, che della Società, da grande storico dell’età contemporanea quale era, profondamente legato alla Romagna, ha saputo rafforzare il carattere interdisciplinare delle ricerche e il radicamento nella realtà culturale di questa terra. Al suo ricordo il convegno è dedicato. E con lui saranno ricordati l’avv. Natale Graziani, socio di intensa e molteplice attività amministrativa e culturale e il giornalista e scrittore Luciano Foglietta, recentemente scomparsi.

PROGRAMMA

Sede: Sala del Refettorio Musei San Domenico – Piazza Guido da Montefeltro 12 (Forlì)

Sabato 22 ottobre

Ore 09.30

Introduzione ai lavori:
DAVIDE DREI, Sindaco di Forlì
ROBERTO PINZA, Presidente della Fondazione della Cassa dei Risparmi di Forlì
GABRIELLA POMA, Presidente della Società di Studi Romagnoli

Ore 10.00

Relazione introduttiva di ROBERTO BALZANI: Forlì tra Ottocento e Novecento: la nascita della città moderna
Interventi:

GIACOMO MANZOLI, Forlì nei documentari dell’Istituto Luce
ANDREA EMILIANI, MARINA FOSCHI, Il volto della città nelle foto di Paolo Monti

Ore 15.15
Ricordo del prof. Luigi Lotti
MONICA MIARI, Recenti rinvenimenti nel territorio forlivese
ALBERTO ANTONIAZZI, Nuove ricerche sul sistema fluviale di Forum Livii
SERGIO SPADA, Presso le corti di Romagna. L’agone poetico sul duello Francesco Ordelaffi e Galeotto Malatesta (aprile 1354)
VITTORIO BASSETTI, Preparativi militari pontifici per debellare il ribelle Francesco Ordelaffi (1358-1359)
FRANCO ZAGHINI, Gli ‘aforismi’ di Andrea Bernardi, cronista forlivese detto il Novacula (1450-1522)
MATTEO OTTAVIANI, «La terra che fé già la lunga prova». La Forlì dantesca

Domenica 23 ottobre

Ore 09,15
LAURA TARTARI, L’abbazia di San Mercuriale di Forlì nel XVI secolo
SERENA VERNIA, Gli affreschi della chiesa del Carmine a Forlì
CHIARA GUARNIERI, Gli scavi nel centro storico e nel palazzo Comunale di Forlì
SILVIA FRANCESCHINI, «Natura se puol ben afadigar, / E unir insieme carne, sangue, e vita / Ma no’ far cosa viva si esquisita, / Che a questa mai se possa aprosimar». Diffusione della scultura veneta a Forlì
ANNA TAMBINI, Pittura forlivese al seguito di Melozzo e Palmezzano
MICHELE PAGANI, MARIA LUCIA ROCCHI, I dipinti murali della chiesa di Sant’Agostino in Rocca d’Elmici

Ore 15.15
IACOPO BENINCAMPI, Fra’ Giuseppe Merenda «dilettante in architettura
ENRICO ANGIOLINI, La geografia documentaria delle fonti di e per Giuseppe Mazzatinti
LUCIANA PRATI, I musei nel palazzo del Merenda (1922-1940)
ANNA ROSA BAMBI, Non solo libri… L’inventario della Biblioteca comunale di Forlì del 1841 negli atti del notaio forlivese Lorenzo Benedetti
GIANCARLO CERASOLI, Antonio Ignacchera medico condotto a Forlì dal 1760 al 1763
GIANLUCA BRASCHI, Forlì capoluogo: una storia d’archivio

Sabato 29 ottobre,

Ore 15,15
MICHELE LODONE, Tra Roma e Romagna. La famiglia di Biondo Flavio da Forlì
MARCO ANTONIO BAZZOCCHI, Giuliano Missirini, ultimo cronista forlivese
ELIDE CASALI, “Contrade” di Romagna nell’opera di Piero Camporesi
GIOVANNI TASSANI, Le riviste giovanili forlivesi di fine Ventennio
DINO MENGOZZI, Rappresentazioni del corpo dei romagnoli, da Maroncelli a Mussolini
MAURIZIO RIDOLFI, Storia delle Romagne e storie locali: sui narratori delle tradizioni civiche tra Ottocento e Novecento
SARA SAMORÌ, I mazziniani a Forlì

Domenica 30 ottobre

Ore 09,30
ULISSE TRAMONTI, Giò Ponti a Forlì
FERRUCCIO CANALI, Tecnologie costruttive moderne nell’architettura dell’Avanguardia romagnola del Novecento
GUIDO GAMBETTA, ll campus universitario forlivese
ALBERTO MALFITANO, Territorio e risorse. Ricerca e gestione dell’acqua in Romagna in età contemporanea.
MASSIMO FORNASARI, Istruzione e sviluppo nel Forlivese tra Ottocento e Novecento
ANTONELLA IMOLESI, Le Raccolte Piancastelli della Biblioteca comunale di Forlì. La collezione come spazio del tempo, della memoria e dell’identità della Romagna

Ore 15.00
Ricordo di Natale Graziani e Luciano Foglietta
GIANCALLISTO MAZZOLINI, Natale Graziani e l’Accademia degli Incamminati
VITTORIOMEZZOMONACO, Graziani poeta dialettale. E con il Trebbo ricomparve «la Piè» abolita dal Fascismo
MARIO PROLI, Graziani amministratore comunale
OSCAR BANDINI, Ricordo di Luciano Foglietta

CECILIA FRIDA NATALINI, Statuti romagnoli
STEFANO PIASTRA, Il paese del Duce con occhi stranieri
ANDREA MARAMOTTI, Francesco Balilla Pratella

SOCIETA’ DI STUDI ROMAGNOLI
La Società di Studi Romagnoli è un organismo democratico che promuove con spirito scientifico gli studi pertinenti alla Romagna. Essa è nata nel 1949 a Cesena dove ha la sua sede legale presso la Biblioteca Malatestiana. La Società organizza ogni anno un Convegno di Studi Romagnoli e sovente anche Giornate di Studio e Convegni speciali; inoltre essa promuove e partecipa ad altre iniziative culturali. Gli atti dei Convegni, assieme ad altri studi, vengono raccolti nel volume annuale della collana «Studi Romagnoli». La Società cura, inoltre, una collana di «Saggi e repertori», una di «Quaderni» ed una di «Guide».

Informazioni www.societastudiromagnoli.it oppure rivolgersi alla sede della Società di Studi Romagnoli, presso la Biblioteca Malatestiana, Cesena.

Condividi
Pubblicato da
Roberto Di Biase

Articoli recenti

Biblioteca Malatestiana moderna: in vigore gli orari invernali

CESENA - In vigore l’ orario invernale dei servizi di pubblica lettura della Biblioteca Malatestiana. Con il nuovo orario, la…

2 ore passati

Be Here! Bologna Estate 2018 gli appuntamenti di sabato 22, domenica 23 e lunedì 24 settembre

BOLOGNA - Bologna Estate propone dal 22 al 24 settembre un fine settimana all’insegna delle gite fuori porta. Sabato 22…

2 ore passati

Ambiente. Sono 106 gli alberi monumentali dell’Emilia-Romagna iscritti nel primo elenco nazionale

Gazzolo: "Un patrimonio di biodiversità da tutelare e valorizzare, per un Emilia-Romagna più verde". A Verucchio (RN) si trova l'esemplare…

6 ore passati

Cesena si prepara ad affrontare il sabato da ‘bollino nero’

Sabato 22 settembre sono in programma il Memorial Pantani e l'Iron man. L’invito ai cesenati: “Tenetevi informati e armatevi di…

8 ore passati

Censimento permanente della popolazione e delle abitazioni di Forlì

FORLÌ - A partire da lunedì, 1 ottobre 2018, inizia il Censimento permanente della popolazione e delle abitazioni. Per la…

8 ore passati

Duecento anni di Marx raccontati da Stefano Petrucciani

Venerdì 21 settembre alle 17 conferenza nella sala Agnelli della biblioteca comunale Ariostea (via delle Scienze 17, Ferrara) FERRARA -…

15 ore passati

L'Opinionista © 2008 - 2018 - Emilia Romagna News 24 supplemento a L'Opinionista Giornale Online
reg. tribunale Pescara n.08/2008 - iscrizione al ROC n°17982 - P.iva 01873660680
Contatti - RSS - Archivio news - Privacy Policy - Cookie Policy

SOCIAL: Facebook - Twitter - Google Plus - Pinterest

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice