Al via il prologo della manifestazione “Aspettando la 25^ Placentia Half Marathon”

21

Online su CrowdForLife la raccolta fondi per iscriversi alla gara che ognuno potrà correre da casa per aiutare chi è in difficoltà economica

PIACENZA – Si terrà domenica 3 maggio, giorno in cui si sarebbe dovuta svolgere la 25esima edizione della Placentia Half Marathon, il prologo della manifestazione “Aspettando la 25^ PHM”, in programma nell’ultimo fine settimana di ottobre. Ma, alla luce delle restrizioni legate all’emergenza Coronavirus, la gara podistica si svolgerà non sulle strade del consueto percorso cittadino, bensì all’interno dell’abitazione di ciascun partecipante e sarà accompagnata da una raccolta fondi di solidarietà.

“Domenica 3 maggio – dichiarano gli organizzatori, Pietro Perotti e Alessandro Confalonieri – correre in strada non sarà ancora possibile. Abbiamo quindi pensato di organizzare, quale prologo dell’iniziativa “Aspettando la 25^ PHM” in calendario il 24/25 ottobre 2020, una manifestazione podistica particolare: ogni partecipante correrà infatti all’interno della propria abitazione o delle sue pertinenze. L’iniziativa, “giocosa” e non competitiva, è davvero rivolta a tutti: dai runner più allenati ai “podisti della domenica”, senza dimenticare bambini e genitori, che avranno un modo diverso per stare insieme praticando attività motoria. Obiettivo principale è sostenere la raccolta fondi dal titolo #RunToFund – Corriamo da casa contro il Covid-19, attiva su CrowdForLife, il portale di crowdfunding del Gruppo Bancario Crédit Agricole Italia. Tutto il ricavato della raccolta fondi sarà devoluto ai Servizi Sociali del Comune di Piacenza a favore di chi, in questo momento di emergenza, si trova in difficoltà economica.

La manifestazione prevede tre diverse iniziative: una camminata/corsa di 10 km rivolta ai runner più allenati, una camminata/corsa di 1,097 km per i genitori e i bambini con vittoria assegnata al partecipante più giovane e a quello con più anni di età (per entrambe le prove la partenza è prevista alle ore 10.30 di domenica 3 maggio) e, per chi cerca in ogni caso di mantenersi in forma, la camminata/corsa libera di 21,097 km con partenza domenica 26 aprile e “arrivo” alle ore 12.30 di domenica 3 maggio (con l’obiettivo quindi di percorrere la distanza della mezza maratona in una settimana).

Per ognuna di queste gare due sono le categorie previste: la corsa all’interno della propria abitazione o delle sue pertinenze (intorno al tavolo, tra il soggiorno e la cucina, sul balcone, nel giardino, nel garage ecc.) o la corsa su un tapis roulant (naturalmente sempre all’interno dell’abitazione).Per la misurazione del tempo basterà un’autocertificazione, ma la persona che avrà ottenuto il tempo migliore dovrà provare la propria prestazione attraverso l’invio del calcolo effettuato con idonea apparecchiatura (orologio, smartphone, ecc.).

Per partecipare all’iniziativa occorre versare una quota di iscrizione a favore della raccolta fondi #RunToFund – Corriamo da casa contro il Covid-19, attiva su www.ca-crowdforlife.it per sostenere chi si trova in grave difficoltà economica a causa della pandemia. Il regolamento, le modalità d’iscrizione e maggiori informazioni si possono trovare sul sito www.placentiahalfmarathon.com.

“La maratona è un evento straordinario per la città – sottolineano gli assessori ai Servizi sociali e allo Sport, Federica Sgorbati e Stefano Cavalli -, ma ancor più avvincente della gara o dell’arrivo al traguardo, è riuscire a coinvolgere una comunità intera in questa avventura di sport e solidarietà. La Placentia Half Marathon è un appuntamento speciale, il nostro augurio è che l’entusiasmo, l’impegno e la passione con cui è sempre stata vissuta in questi anni posso accompagnare anche questo prologo. Un particolare ringraziamento va naturalmente agli organizzatori, che hanno individuato una formula a cui si accompagna un aspetto sociale di grande importanza. Siamo convinti che Piacenza, con il suo animo generoso e sensibile, ci sarà e che la raccolta fondi consentirà di dare un contributo e sostegno a chi sta affrontando gravi difficoltà economiche a causa dell’emergenza coronavirus”.