Al PalaSavena è show rossoblu

9

Bologna batte San Giustino 3-0

BOLOGNA – Nella quarta giornata del girone di ritorno, contro l’ErmGroup San Giustino, Bologna rovescia completamente il risultato dell’andata uscendo da un periodo difficile con il massimo dei voti.

Reduci da cinque sconfitte, i felsinei entrano in campo con grande fame di rivalsa. Le raccomandazioni di Coach Marzola sono tutte perfettamente rispettate dai suoi. Govoni e compagni, infatti, approcciano positivamente il match sin dalle prime battute giocando con costanza per l’intera durata della sfida.

Il gioco corale dei rossoblu, magistralmente serviti dall’mvp Filippo Govoni, frutta 3 punti nella classifica generale che sigillano il settimo posto. Da monitorare il match tra la Virtus Fano e la WiMORE Parma che, in caso di risultato favorevole per la prima, consegnerebbe il sesto posto alla compagine rossoblu.

Bartolini schiera Sitti in regia con Hristoskov opposto, Ingrosso e Cappelletti gli schiacciatori, Antonaci e Quarta al centro, con Marra libero.

Marzola risponde con Govoni e Lugli in diagonale principale, Guerrini e Maletti in posto quattro, Orazi e Grottoli al centro con Gabrielli ad amministrare la seconda linea.

Il primo set vede le due compagini giocare punto a punto con San Giustino che riesce a mettere la testa avanti in varie occasioni, anche nella fase calda del set, ma Bologna, cinica in fase offensiva come difensiva ricuce sempre. Ai vantaggi il gioco dei centrali premia Bologna che si impone 1-0.

Nella seconda frazione di gioco il turno al servizio di Maletti, in apertura, porta la Geetit al largo, il gioco corale poi, amministrato da capitan Govoni, premia i rossoblu che si aggiudicano il primo punto in palio.

Nel terzo set San Giustino ricuce lo svantaggio iniziale ma Bologna ristabilisce il vantaggio nella fase centrale e chiude il set avanti di 8 lunghezze.

Il match in pillole:

Govoni da una parte e Sitti dall’altra coinvolgono bene gli attaccanti da posto due come da quattro e il match parte in perfetto equilibrio: 3-3. Il gioco al centro non sorride ai rossoblu al contrario degli umbri che aiutati da Hristoskov centrano il +2 sul 5-7. Maletti e Lugli non perdonano e tutto torna in pari: 8-8. Il match procede con cambi palla veloci dove al braccio dell’opposto del ErmGroup si oppone il gioco corale di Govoni e compagni. Cappelletti sfonda le mani del muro rossoblu e San Giustino torna a +2 sul 11-13, lo stesso fondamentale premia poi la Geetit che ricuce: 14-14. Cappelletti, questa volta al servizio, prende nuovamente il largo e quando al suo gioco si aggiunge un muro di Quarta, San Giustino centra il primo vantaggio significativo del match: 16-19. Marzola interrompe il gioco e al rientro un errore degli ospiti e una slash chiusa da Guerrini valgono il 18-19 e il timeout avversario. Ingrosso ferma a muro Lugli ma una Geetit generosa in difesa e con Maletti cinico anche dalla seconda linea resta attaccata: 19-20. Orazi mette la firma sul pareggio prima con un muro di contenimento poi stampando Antonaci per il 21-21. Cappelletti restituisce il muro e Marzola è costretto al secondo timeout sul 21-23. Bologna non molla, Bartolini è costretto a chiamare a suo volta il discrezionale sul 23-23 e al rientro la Geetit centra il setpoint. San Giustino annulla il primo setball ma Orazi in attacco e Ballan, appena entrato dalla panchina, mettono la firma sul 24-26.

Nel secondo parziale il turno al servizio di Maletti apre subito il largo per i rossoblu che si portano avanti 6-2. Bartolini interrompe immediatamente il gioco ma al rientro il copione prosegue con Maletti sugli scudi al servizio e Guerrini cinico in prima linea: 9-2. Gli umbri cercando di accorciare le distanze ma trovano ancora Guerrini preciso in attacco: 11-5. Quando lo schiacciatore 2003 si presenta sulla riga dei 9 metri chiude l’ace che vale il 13-6. Cappelletti chiude la prima azione lunga del set che vale il 14-8: nulla che argini il gioco dei felsinei che anzi, con Lugli al servizio, allungano 16-9. Grottoli va a tabellino prima in attacco, poi fermando a muro Conti, entrato per Ingrosso, e costringe la panchina umbra al timeout sul 18-9. Bologna fatica in cambio palla e San Giustino accorcia fino al 19-14 ma con fame in difesa e composta a muro, la squadra di casa, entra nella fase calda del set con largo vantaggio: 23-16. Lugli chiude il set sul 25-18.

La terza frazione di gioco si apre con un super Orazi che trascina i suoi sul 3-1. Gli attaccanti della Geetit rispondo tutti presente e il tabellino segna il 8-4. San Giustino accorcia le distanze fino al 9-7 con il turno al servizio di Cappelletti ma Lugli chiude l’azione lunga che ristabilisce il +3 rossoblu. L’ErmGroup non ci sta e con i muro di Quarta su Lugli centra il -1 sul 10-9. L’azione lunga premia questa voglia gli ospiti che con Hristoskov stabiliscono la parità sul 11-11. È ancora una volta la compagine di casa a mettere la testa avanti: 14-12. La fase centrale del set vede Bologna mantenere il vantaggio grazie ad un’ottima gestione del gioco che vede tuti gli attaccanti coinvolti: 19-16. Il muro di contenimento in prima linea gioca un ruolo cruciale in fase di chiusa, Bologna, generosa in difesa regala al pubblico di casa il 22-17. Bartolini chiama i suoi alla panchina ma al rientro Maletti chiude un monster block su Hristoskov, Orazi sorprende la ricezione avversaria e Bologna centra il match point sul 24-17. Un errore degli umbri consegna a Bologna il 25-17, 3-0.

Filippo Govoni: “Ci tenevamo a vendicare la partita di andata, che secondo me è stata la nostra peggior prestazione stagionale e anche a interrompere il periodo negativo. Siamo molto contenti e per quanto riguarda la mia prestazione come singolo, ringrazio per il premio ma penso sia stata una vittoria di squadra. Lusetti ha potuto rifiatare un attimo, è comunque un giocatore giovane ma come ho preso io il premio mvp è successo a lui in precedenza. Sappiamo che siamo 12 giocatori a disposizione del coach.

Arriviamo a Fano senza nulla da perdere. Anche se siamo più indietro in classifica abbiamo dimostrato di poter far fastidio a tantissime squadre, quindi andiamo la senza nulla da perdere e per giocarci le nostre carte.”