A Vignola (MO) startup e Pmi innovative si sfidano virtualmente in un contest digitale

189

L’azienda modenese CRIT S.r.l., centro di innovazione tecnologica applicata all’industria, ha promosso un contest digitale al quale hanno partecipato 6 realtà emergenti del panorama hi-tech italiano

MODENA – Sei realtà emergenti del panorama hi-tech italiano si sono sfidate virtualmente in un contest digitale promosso dall’azienda modenese CRIT S.r.l., centro di innovazione tecnologica applicata all’industria.

Scopo dell’iniziativa: sperimentare direttamente sul campo le potenzialità e le modalità di finanziamento collettivo della “Synergic Crowd Innovation Platform”, una nuova piattaforma di crowdfunding operativa a livello europeo per il finanziamento di progetti ed iniziative in ambito industriale e delle tecnologie dell’innovazione, mediante la raccolta di piccole somme tra numerosi partecipanti.

Al contest realizzato da CRIT hanno partecipato le aziende modenesi Novac Supercap, Mind e Pikkart, oltre alla bolognese Stoorm 5, la comasca Servility e la forlivese Mark One.

L’iniziativa organizzata da CRIT rientra nel progetto SYNERGY, finanziato dall’Unione Europea, nel quale sono coinvolte anche aziende e centri di ricerca di Austria, Germania, Polonia, Croazia e Slovenia.

Tra le varie attività, il progetto ha incluso un vero e proprio contest internazionale tra startup e Pmi innovative, dal duplice scopo: testare una nuova piattaforma di crowdfunding a livello europeo e, contestualmente, creare e consolidare legami e sinergie tra aziende, centri di ricerca, cluster e policy makers dell’Europa centrale in tre aree tematiche (Additive Manufacturing, Micro/Nano tecnologie e Industria 4.0).

“La gara è stata realizzata con una formula originale, poi replicata da ognuno dei partner europei del progetto” sottolinea Marco Baracchi, Direttore Generale di CRIT. “Sono state 17 le idee innovative raccolte sulla piattaforma: ogni Pmi e startup ha presentato le proprie idee alla “giuria” (composta da undici rappresentanti tecnici delle aziende hi-tech nostre socie), che hanno successivamente posto ai contendenti alcune domande di approfondimento.

Ad ognuno dei giudici era stata attribuita una cifra virtuale di 50mila euro, da distribuire tra le diverse iniziative presenti in piattaforma. In questo modo i tecnici delle aziende socie di CRIT hanno avuto anche l’opportunità di confrontarsi con le startup e le realtà più innovative del nostro territorio, avviando prime iniziative di sinergia e collaborazione a livello non solo nazionale”.

Nel complesso le sei start up italiane hanno conseguito un buon risultato: nella classifica finale (stilata congiuntamente tra tutti i Paesi partner del progetto) ben quattro delle aziende selezionate da CRIT si sono posizionate entro i primi dieci posti, distinguendosi positivamente sia per quanto riguarda le somme virtuali raccolte complessivamente sia nel rapporto fondi raccolti/costi operativi.

Oltre a CRIT, il progetto SYNERGY vede la partecipazione del Karlsruhe Institute of Technology e della Technical University Chemnitz-Cluster of Excellence Merge (Germania), di Profactor GmbH (Austria), della Wroclaw University of Technology (Polonia), del Jožef Stefan Institute (Slovenia) e Step Ri-Science and Technology Park of the University of Rijeka (Croazia).

Il progetto è stato finanziato per quasi 2 milioni di euro dall’Unione Europea, all’interno del programma Interreg Central Europe finalizzato allo sviluppo della cooperazione transnazionale nel settore della ricerca e dello sviluppo industria

CRIT è una società privata con sede a Vignola nata nel 2000: grazie ad uno staff tecnico d’eccellenza supporta le imprese nei percorsi di innovazione di processo e di prodotto, favorendo il trasferimento di conoscenze tecnologiche tra le aziende socie. Partendo dal confronto su temi di interesse condiviso, CRIT organizza scambi di best practices e benchmarking specifici da cui scaturiscono soluzioni tecniche, gestionali ed organizzative.

I soci di CRIT sono esclusivamente aziende, molte delle quali leader mondiali nei rispettivi settori, tra cui: Alstom, Beghelli, Datalogic, Ferrari Spa, System Ceramics, Technogym, Sacmi e Tetra Pak. CRIT partecipa inoltre a importanti circuiti nazionali e internazionali dell’innovazione, tra cui EFFRA (European Factories of the Future Research Association), SPIRE (Sustainable Process Industry through Resource and Energy Efficiency) e la Rete Alta Tecnologia dell’Emilia-Romagna.