A Bologna dal 12 giugno riaprono le aree giochi nei parchi

36

Il Sindaco Merola: “Impegno e risorse del Comune per far giocare i bambini in sicurezza”. Pulizia giornaliera nel rispetto della normativa, mascherina sopra i 3 anni e distanza interpersonale di un metro

Comune di BolognaBOLOGNA – I bambini a Bologna potranno tornare a usare scivoli e altalene in sicurezza: le aree giochi nei parchi, nei giardini e negli spazi pubblici riapriranno venerdì 12 giugno. Il Comune procederà ad applicare le indicazioni del Governo per contenere il rischio del contagio del coronavirus. In particolare, per consentire la riapertura il 12 giugno, il contratto con le aziende che si occupano della manutenzione sarà integrato con un nuovo servizio che prevede, come indica la normativa, la pulizia approfondita e frequente delle superfici più toccate, almeno giornaliera, con detergente neutro, per ognuno dei 1.250 giochi della città.

Il Comune per questo servizio sosterrà un costo di circa 4.000 euro al giorno. Nel rispetto del decreto, nelle aree giochi si potrà accedere con mascherina obbligatoria per i bambini di età superiore a 3 anni e va mantenuta la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro. Nei prossimi giorni si metteranno a punto i dettagli della pulizia e verrà prorogata a giovedì 11 giugno compreso l’ordinanza che vieta l’utilizzo dei giochi.

“Tutelare la salute di tutti i cittadini, a cominciare dai nostri bambini, è la cosa che più ci sta a cuore sempre, e a maggior ragione in questa fase dell’emergenza sanitaria – afferma il Sindaco di Bologna, Virginio Merola – pertanto ci siamo impegnati e abbiamo dedicato risorse del Comune per costruire le condizioni migliori per un utilizzo delle aree giochi nel rispetto della normativa e delle misure di contenimento del contagio. Per tutelare la nostra salute e quella degli altri, soprattutto dei bambini, raccomando ancora una volta a tutti il rispetto delle regole per giocare in sicurezza nelle aree attrezzate dei parchi: indossare e far indossare la mascherina, e mantenere la distanza di sicurezza dalle altre persone”.