23 giugno: Smart City, parla il filosofo Sébastien Marot

8

Alle 17 sul canale YouTube dell’Università di Parma, ultimo appuntamento del ciclo organizzato dallo “Smart City 4.0 Suistainable LAB” dell’Università di Parma

PARMA – Si chiude con il filosofo Sébastien Marot il ciclo d’interviste sulla Smart City avviato lo scorso 14 giugno sul canale YouTube dell’Università di Parma.  

L’appuntamento è per mercoledì 23 giugno alle 17. Dopo un’introduzione di Andrea Borsari, docente dell’Università di Bologna, Sébastien Marot converserà con il dottorando Federico Diodato (Università di Bologna e Université Paris-Est).

Dopo i diversi punti di vista che si sono succeduti nei giorni scorsi, il ciclo d’interviste si chiude dunque con l’occhio del filosofo, che aiuterà a riflettere sui temi della rigenerazione urbana intelligente e sostenibile.

Sébastien Marot insegna Storia dell’ambiente all’École d’architecture de la ville & des territoires Paris Est. In precedenza ha insegnato in molte altre università di architettura e paesaggio in Europa e negli Stati Uniti: a Ginevra, Versailles, Londra, Harvard, Philadelphia, Cornell, all’Università di Montreal e a Zurigo.

Ha scritto e pubblicato diversi libri, tra cui “L’Art de la mémoire, le territoire et l’architecture” nel 2010. Nel 2001 ha curato la raccolta di saggi di Andre Corboz “Le territoire comme palimpseste”.

La rassegna d’interviste, prodotte dal Centro per le Attività e le Professioni delle Arti e dello Spettacolo-CAPAS dell’Università di Parma, è organizzata dallo “Smart City 4.0 Suistainable LAB” dell’Ateneo, diretto da Dario Costi, in vista del convegno “Smart City? A critical position. Glossario e sguardi interdisciplinari. Un confronto culturale dopo un anno di lavoro”, in programma per venerdì 25 giugno.

Foto: Marot dal sito dell’Università di Parma