12 maggio: Felice Corini nuovo professore ad honorem dell’Università di Parma

5

Cerimonia a inviti. Diretta streaming a partire dalle 11 dall’Aula Magna della Sede Centrale

PARMA – Sarà Felice Corini il nuovo professore ad honorem dell’Università di Parma: il titolo sarà conferito il prossimo giovedì 12 maggio.

La cerimonia, a inviti, è in programma per le 11 in Aula Magna. Sarà trasmessa in diretta streaming sul sito web di Ateneo www.unipr.it.

Felice Corini sarà nominato professore ad honorem in “Ingegneria industriale e dell’informazione” per l’Ambito Ingegneria, “in cui si è distinto per meriti scientifici e culturali”.

La cerimonia sarà aperta dall’intervento del Rettore Paolo Andrei. A seguire Antonio Montepara, Direttore del Dipartimento di Ingegneria e Architettura dell’Università di Parma, pronuncerà la laudatio per Felice Corini. Poi la consegna della pergamena e la lectio magistralis del nuovo professore ad honorem.

L’evento gode del patrocinio dell’Associazione Alumni e Amici dell’Università di Parma.

Felice Corini è l’undicesimo professore ad honorem dell’Università di Parma. Il suo nome segue quelli dell’imprenditore Gian Paolo Dallara, del regista, pittore e scrittore Peter Greenaway, dell’imprenditore Valter Mainetti, del giornalista Luca Abete, dell’epidemiologo inglese Sir Richard Peto, dell’imprenditore Augusto Cattani, del cantautore Paolo Conte, del biochimico Wolfgang Gärtner, dell’esperto di sanità pubblica veterinaria Romano Marabelli e del fondatore di ALMA Albino Ivardi Ganapini.

Note biografiche di Felice Corini

Laureato in Ingegneria elettrotecnica all’Università di Bologna nel 1971, inizia la sua carriera in azienda nel 1973 alla Filippo Fochi spa di Bologna, attiva nel settore dei montaggi meccanici industriali. Lì inizia a operare negli uffici di gestione dei progetti, attività che in diversi ruoli caratterizzerà tutta la sua vita professionale.

Opera in Italia e all’estero come responsabile di progetto di impianti chimici e petrolchimici per Eni, Anic, Montedison e altre primarie committenti, e svolge funzioni commerciali con missioni di lunga permanenza in Iran e in Brasile.

Nel 1979 è direttore commerciale della Inco spa del gruppo Incisa e nel 1981 di Incomech spa, neonata società attiva nei montaggi meccanici di impianti e condotte industriali, sempre del gruppo Incisa, dove diventa direttore generale e poi amministratore delegato.

Diventa poi azionista di controllo e presidente di Fidia srl, che raggruppa Incomech e le nuove Incoservice ad Interincoservice.

Incomech opera costruendo raffinerie, centrali turbogas centrali termoelettriche, condotte industriali on shore ed off shore, reti di teleriscaldamento e di distribuzione urbana di gas naturale sempre per importanti committenti come Enel, Snam, Saipem, Nuovo Pignone,

Ansaldo, Technipetrol, Geniodife e vari enti locali, non solo in Italia ma spesso all’estero: dall’Iraq all’ Angola, dallo Yemen alla Russia, dal Marocco all’Algeria.

Dal 1998 opera come consulente esterno per gli aspetti gestionali e commerciali in favore di importanti Imprese e Società del settore delle costruzioni e montaggio di impianti industriali. Nel 2001 tiene alcune lezioni nell’ambito del corso di “Gestione della innovazione e dei progetti” per gli iscritti al quinto anno di Ingegneria gestionale dell’Università di Parma, dove per molti anni è professore a contratto di Gestione dei progetti di impianti (poi Project management) e Tecniche e tecnologie di costruzione di impianti industriali e di condotte industriali (poi Complementi di Project management), mettendo il proprio bagaglio di esperienze a disposizione degli studenti e delle studentesse di Ingegneria.